Cerca

Morto dopo ricovero forzato, "è stato strangolato"

CRONACA
Morto dopo ricovero forzato, è stato strangolato

È morto asfissiato per uno "strangolamento atipico", aggravato dalla modalità di trasporto, Andrea Soldi, il 45enne deceduto durante un Tso a Torino lo scorso 5 di agosto. È quanto emerso dall'esame autoptico eseguito dal dottor Valter Declame, consulente della procura, e depositato in questi giorni. Il pm Raffaele Guariniello aveva indagato per omicidio colposo i tre vigili urbani e lo psichiatra presente durante il trattamento avvenuto mentre Soldi si trovava in un giardinetto della città.


La consulenza parla di "morte violenta", per asfissia da compressione e ostruzione delle alte vie aeree e dissociazione elettromeccanica del miocardio. Secondo la consulenza l'uomo è stato afferrato e cinto con un braccio al collo. Presa che avrebbe determinato lo "strozzamento atipico", producendo una compressione delle strutture profonde vascolo-nervose del collo. Da quanto ricostruito a quel punto il 45enne avrebbe perso conoscenza e sarebbe stato ammanettato sulla schiena e caricato in ambulanza.

E proprio il trasporto avrebbe aggravato la situazione perché la posizione sarebbe stata, secondo le verifiche, "incompatibile con una possibilità ventilazione efficace o con il mantenimento manuale della maschera di ossigeno". Una volta in ospedale i medici avevano tentato di rianimare Soldi senza successo. Sono in corso altri accertamenti.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.