Cerca

Dal genovese al romanesco, è boom di corsi di dialetti a scuola

CRONACA
Dal genovese al romanesco, è boom di corsi di dialetti a scuola

ISTITUTO CFP VIA BENACO STUDENTI SCUOLA SUPERIORE PROFESSORI AULA COMPUTER (Silvano Del Puppo, MILANO - 2002-10-03) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Dal genovese al romanesco fino al napoletano. Da Nord a Sud sono tante le associazioni ma anche i singoli appassionati che organizzano corsi di dialetto . E, mentre il 17 si celebra la Giornata nazionale ideata dall'Unione nazionale delle Pro loco d'Italia (Unpli) per sensibilizzare e salvaguardare le lingue locali, c'è chi tutto l'anno studia dialetto e tradizioni locali. Lezioni che prendono piede anche nelle scuole.


Allarme Pro loco: "Dialetti a rischio in 2.800 borghi". Il 17 Giornata nazionale

"A Genova - racconta all'Adnkronos Franco Bampi, presidente dell'associazione 'A Compagna' - organizziamo da 12 anni il corso gratuito di genovese 'Leze e scrive in Zeneize' in collaborazione con i municipi della città. Giovedì, alla prima lezione del 2016, c'erano ben 179 partecipanti, in percentuale elevatissima pensionati e anziani che a quell'ora sono liberi, ma anche una trentina di giovani tra i 25 e i 30 anni".

Un interesse crescente legato anche alla paura e alla sensazione che si sta perdendo, giorno dopo giorno, un autentico "bene immateriale". E per arrivare anche ai più piccoli, l'associazione promuove lezioni negli asili e nelle elementari. "Stiamo raccogliendo le adesioni dalle scuole, a marzo saremo pronti per iniziare", spiega il presidente di 'A Compagna' che ha risposto a un bando regionale per l'insegnamento del genovese nelle scuole.

"Mandiamo dei 'nonni', persone capaci di parlare il genovese, che per quattro mattine al mese sono a disposizione della maestra. Le attività - afferma Bampi - vengono concordate con l'insegnante: si parla il genovese, si parla delle tradizioni genovesi, ad esempio si fa vedere come si prepara il pesto". "Si tratta - continua - di un'attività rivolta a favorire l'incontro tra la generazione dei nonni, che sa parlare il genovese, e quella dei piccoli per far capire loro che il posto in cui vivono oggi, un tempo era estremamente diverso".

A Napoli alla scuola media statale Viale delle Acacie, tra le attività di ampliamento curricolare, è stato lanciato il corso ''Napulitanamente' per approfondire la lingua e la cultura napoletana. Ancora, a Roma si parla romanesco tra i banchi di una scuola media nella zona di Quarto Miglio, in collaborazione con l'Accademia romanesca.

"Facciamo tre corsi - spiega il presidente dell'Accademia, Maurizio Marcelli - uno interno ai soci dell'accademia con incontri settimanali con poeti ed aspiranti tali sulla tecnica poetica, un altro alla biblioteca Pasolini sulla poesia dialettale e uno sul dialetto, per un'ora a settimana, in due sezioni di una scuola media".

Con gli alunni si parla della nascita del dialetto, dell'etimologia della parola in romanesco, si analizza la documentazione poetica fino ad arrivare a vere e proprie composizioni in dialetto. "Il corso - racconta Marcelli - finirà con un mini concorso di poesia interna e con una premiazione. Per i ragazzi è una sorpresa scoprire la lingua che parlano, i vari modi di dire, il cambiamento di significato di certe parole".

Per avvicinare sempre più gente alla lingua locale vengono anche organizzati spettacoli in dialetto. "E' un modo - spiega il presidente dell'Accademia romanesca - per reclutare 'adepti': scriviamo testi e li portiamo in scena, a volte anche con la musica. E' una strada per approcciare un pubblico più giovane".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.