Cerca

Pace fatta tra il Roma Pride e Fendi: "Equivoco chiarito"

CRONACA
Pace fatta tra il Roma Pride e Fendi: Equivoco chiarito

(fonte facebook /Roma Pride / Jessica Guidi)

Pace fatta tra Fendi e Roma Pride: la casa di moda ha autorizzato l'utilizzo di Palazzo della Civiltà Italiana nella campagna sostenendo la manifestazione del Roma Pride 2016, che si sta tenendo in questi giorni a partire dal 3 giugno fino al 12 giugno e che avrà come momento principe la Grande Parata dell’11 giugno. Alla base di tutto, spiega la maison, un "semplice equivoco", la cui causa scatenante sarebbe stata un "uso improprio" dell'immagine del Palazzo della Civiltà Italiana, presente negli scatti della campagna di Roma Pride.


Insomma "una questione di richiesta di autorizzazione" che, non essendo pervenuta, ha automaticamente attivato l'ufficio legale, e questo "a prescindere dal merito". "Da sempre per Fendi - ha fatto sapere la casa di moda in una nota - la valorizzazione delle diversità professionali, culturali e di genere è parte integrante della cultura della società, la quale in nessuna attività, interna o esterna, discrimina in base all’orientamento sessuale, identità di genere, razza, colore, sesso, religione, opinioni politiche, nazionalità, origini sociali, etnia, invalidità, età, stato civile o altra condizione personale. L'ambizione e la volontà di Fendi sono sempre state quelle di creare team di lavoro eterogenei che riflettano e rispettino le diversità, ritenendole un'importante fonte di arricchimento culturale.

Il Roma Pride e il Circolo di Cultura Omosessuale 'Mario Mieli' si sono detti "lieti di constatare l’impegno di Fendi con tutta la comunità Lgbtqi e la rinnovata collaborazione che ha unito Fendi e il Circolo fin dagli anni ’90.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.