Cerca

Scontro treni in Puglia, indagati i vertici di Ferrotramviaria

CRONACA
Scontro treni in Puglia, indagati i vertici di Ferrotramviaria

Altre persone sarebbero state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Trani nell'ambito dell'inchiesta sull'incidente ferroviario avvenuto martedì scorso nella tratta tra Andria e Corato in cui sono morte 23 persone e una cinquantina sono rimaste ferite. Si tratta dei vertici dell'azienda Ferrotramviaria che gestisce la linea Bari-Barletta. Le ipotesi di reato su cui indaga la Procura sono di disastro ferroviario e omicidio colposo plurimo. L'iscrizione nel registro degli indagati sarebbe un atto dovuto, dovendosi ancora svolgere alcune autopsie nel pomeriggio in contradditorio tra le parti.


Sono quattro i nuovi indagati, sei in tutto compresi i due capistazione di cui si è avuta notizia ieri: si tratta di Massimo Nitti, 63 anni, direttore generale di Ferrotramviaria Spa, Gloria Pasquini, 65, presidente del consiglio di amministrazione e rappresentante legale della stessa società, Nicola Lorizzo, 60, capotreno di uno dei due convogli, peraltro rimasto ferito in modo grave, Michele Ronchi, 54, procuratore speciale e direttore di esercizio. Si aggiungono a Vito Piccarreta, 59 anni, e Alessio Porcelli, 63, entrambi capistazione in servizio al momento dello scontro tra i due convogli rispettivamente ad Andria e a Corato.

Domani al palasport di Andria i funerali delle vittime

    



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.