Cerca

Genova, escort e bustarelle per la Tav Genova-Milano: in manette imprenditori e dirigenti

CRONACA
Genova, escort e bustarelle per la Tav Genova-Milano: in manette imprenditori e dirigenti /Video

La Guardia di Finanza di Genova ha eseguito 14 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Genova, nei confronti di imprenditori e dirigenti, coinvolti nei lavori per la costruzione del Terzo Valico ferroviario Genova-Milano. Agli indagati vengono contestati, a vario titolo, i reati di corruzione, concussione e turbativa d'asta. L'operazione è stata denominata 'Arka di Noe’.


Dalle immagini riprese dalle telecamere nascoste posizionate dagli uomini della Guardia di Finanza si nota una prima persona che provvede ad oscurare l'ufficio abbassando le tapparelle e quindi si nota una seconda persona che consegna una "bustarella". I due parlano per qualche minuto, dopodiché la seconda persona si allontana e la prima conta il denaro. Le persone, a conoscenza del fatto che fossero 'controllati', spesso comunicavano a gesti.

Ma non solo. In cambio degli appalti non c'erano solo mazzette ma anche escort. Secondo gli inquirenti, gli imprenditori non pagavano soltanto tangenti, ma offrivano anche in qualche caso prestazioni con accompagnatrici. In uno di questi, quello dei lavori per la galleria Vecchie Fornaci, la gara sarebbe andata a due società, Europea 92 e Cipa spa, in cambio di serate con prostitute oltre che tangenti. L'indagine ha visto impegnati 250 militari della GdF in collaborazione con i carabinieri.

"Per quanto riguarda la corruzione - spiega il colonnello Maurizio Cintura, comandante del nucleo di polizia tributaria, parlando dei reati contestati - abbiamo dazione di denaro, per il reato di concussione imposizione di subappalti e pagamento di prestazioni con escort".

I metodi? "Si stabiliva - continua Cintura - che la terza società era quella che doveva vincere e si trovavano delle anomalie sulle prime due per escluderle. Oppure i soggetti che avevano anomalie venivano cancellati. Terzo aspetto, venivano invitate società che si sapevano già disinteressate". In corso in mattinata le perquisizioni nella sede di Cociv.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.