Cerca

Non solo Uber, la galassia delle app per muoversi in città

CRONACA
Non solo Uber, la galassia delle app per muoversi in città

'Enjoy', uno dei servizi di car sharing disponibile tramite app (Fotogramma)

di Federica Mochi


I loro nomi sono quasi sempre anglofoni, ma il servizio che offrono è internazionale. Si chiamano 'Enjoy', 'Car2Go', 'Moovit', 'GoEuro', 'Share'nGo' e quando i tassisti incrociano le braccia, come sta accadendo ormai da giorni in tutta Italia, diventano i migliori alleati dei cittadini per muoversi nelle grandi metropoli. Per scegliere il mezzo pubblico migliore, calcolare il percorso più rapido o individuare il car sharing preferito oggi basta avere uno smartphone.

E' grazie alla galassia delle app, sempre più elaborate, e facili da scaricare (la maggior parte di loro sono gratuite e disponibili per i dispositivi iOS e Android) che gli utenti sono in grado di pianificare e gestire il proprio viaggio con un solo click. Non solo Uber, insomma, la tecnologia sembra andare da tempo incontro alle esigenze degli utenti attraverso numerose piattaforme alternative alla mobilità tradizionale.

A Milano e Roma, ad esempio, tra le app più popolari spiccano quelle delle società di trasporto pubblico, Atm e Atac, che hanno messo a punto due applicazioni 'Atm Milano' e 'Viaggia con Atac'. Non solo consentono di organizzare il percorso migliore con i mezzi pubblici, pagare la sosta, e ricaricare le card, ma offrono all'utente tutte le informazioni sulla linea in tempo reale.

Nel mare magnum delle app dedicate alla mobilità, un posto di rilievo è occupato senza dubbio da 'Moovit', che con oltre 50 milioni di utenti in più di 1200 città di tutto il mondo, è capace di pianificare il viaggio prendendo in considerazione una vasta gamma di mezzi pubblici: dal tram al bus, fino alla metro, al bus, al bike sharing, fino alla funivia.

Trovare treni, confrontare i prezzi di autobus e voli in tutta Europa è invece l'obiettivo di 'GoEuro', che filtra i risultati di ricerca permettendo all'utente di scegliere l'orario, il prezzo, e i tempi di percorrenza del mezzo di trasporto preferito. Oggi viene usata da 30 milioni di utenti in tutto il mondo ed è presente in 120 paesi.

Da qualche anno a tenere banco tra i servizi di mobilità spiccano anche app dedicate al car sharing come 'Car2Go', la piattaforma dedicata al noleggio auto a 'flusso libero': l'auto può essere noleggiata dal punto prefissato e poi lasciata a destinazione all'interno dell'area dove è attivo il servizio. Tramite l'app è possibile prenotare le vetture fino a 30 minuti prima del noleggio, controllare il livello del carburante o il livello di carica e visualizzare i parcheggi dedicati. Attiva in Europa, Nordamerica e in Cina, la piattaforma vanta oltre 2 milioni di clienti.

Stesso discorso per l'app di 'Enjoy', che permette di noleggiare un veicolo (auto o scooter) incontrato lungo la strada con un solo click. Per prenotarlo basta selezionare il veicolo sulla mappa e visualizzare tutti i dettagli, dall'indirizzo in cui è collegato, al percorso più rapido per raggiungerlo. Zero emissioni e zero rumore è invece il motto di 'Share'nGo', piattaforma disponibile a Roma, Milano e Firenze, che consente di utilizzare il car sharing elettrico. Anche 'BlaBlaCar', la community di carpooling con oltre 35 milioni di utenti verificati per offrire o trovare un passaggio in auto, ha sviluppato da tempo la propria app, disponibile gratuitamente sui dispositivi Android e iOS.

Chi invece non sa quale servizio scegliere può contare su 'Urbi', un'app che aggrega diversi servizi di car sharing, permettendo così all'utente di scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.