Cerca

Valanga in Valmalenco, due morti

CRONACA
Valanga in Valmalenco, due morti

Foto del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico

Due scialpinisti sono morti oggi a 3mila metri di quota sopra Lanzada, in Valmalenco, in provincia di Sondrio. Un terzo uomo è rimasto illeso. I tre, si comunica dal Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, stavano scendendo dalla zona del Pizzo Sella, su un pendio esposto, nei pressi di una ferrata dismessa, quando si è staccata una lastra di neve.


La massa, con un fronte di una cinquantina di metri, una lunghezza di oltre 300 metri e uno spessore di circa un metro li ha travolti. Uno di loro, un uomo di Chiesa in Valmalenco, è stato coinvolto solo marginalmente ed è riuscito a mettersi in salvo. Gli altri due scialpinisti sono stati spinti lungo il pendio dalla neve, in una zona molto impervia, con salti di roccia. Le due persone decedute sono un uomo di Caspoggio di 43 anni, e un 53enne di Teglio.

Sul posto sono intervenuti i tecnici del Soccorso alpino della VII Delegazione Cnsas Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico), tre unità cinofile per la ricerca in valanga, il Sagf della Guardia di finanza, i carabinieri, i vigili del fuoco e tre elicotteri, due mezzi di elisoccorso partiti da Caiolo e da Bergamo e l’elicottero dei Vigili del fuoco.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.