Cerca

Nelle case italiane 60 mln di animali, mercato pet food schizza a quasi 2 mld

Fatturato in crescita del 2,7% nel 2016, solo per alimentazione cani e gatti volumi a +1,3%

CRONACA
Nelle case italiane 60 mln di animali, mercato pet food schizza a quasi 2 mld

Animali in casa (Foto Fotogramma)

Siamo ormai arrivati ad un rapporto quasi 1 a 1 fra animali d'affezione e cittadini italiani visto che nel Bel Paese si contano 60 milioni di bestiole fra cani, gatti, pesci, uccellini o piccoli mammiferi. E sono tutti davvero affamati. I l mercato italiano del pet food infatti sta registrando un vero e proprio boom con un giro d'affari che nel 2016 è schizzato a circa 2 miliardi di euro (1.971 milioni di euro) ed in crescita del 2,7% rispetto all'anno precedente. Lo scorso anno, inoltre, sono state 559.200 le tonnellate commercializzate (+1,3%) di prodotti per l'alimentazione per cani e gatti, segmento principale della categoria.


Nel periodo 2013-2016, il mercato del pet food si è sviluppato con un tasso di crescita annuo composto pari a +3,2% a valore. E del resto la popolazione di pet nel nostro Paese è davvero significativa. I cani si stima siano circa 7 milioni, mentre i gatti raggiungono approssimativamente quota 7,5 milioni. Conteggiando anche i quasi 30 milioni di pesci, i 12,9 milioni di uccellini, 1,8 milioni di piccoli mammiferi - tra cui roditori e conigli - e 1,3 milioni di rettili, gli animali di affezione in Italia risultano essere oltre 60 milioni.

A delineare il quadro è la X edizione del Rapporto Assalco-Zoomark, compendio annuale sul mondo dei pet. "I dati che abbiamo presentato nel Rapporto 2017 e che registrano una costante crescita del mercato del pet food premiano l'impegno dell'industria che ha saputo investire in ricerca e innovazione per rispondere in modo sempre più mirato alle esigenze degli animali da compagnia" osserva il presidente dell'Associazione Nazionale tra le Imprese per l'Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, Gianmarco Ferrari.

"Gli alimenti industriali - sicuri, formulati da nutrizionisti esperti e differenziati in base a età, razza e stile di vita dell'animale d'affezione - giocano oggi un ruolo fondamentale per il benessere e la salute dei nostri pet" assicura Ferrari, anticipando alcuni dati del dossier che verrà presentato domani allo Zoomark International 2017, il Salone internazionale b2b sui prodotti e le attrezzature per gli animali da compagnia organizzato da BolognaFiere.

In questo ambito ad incidere maggiormente è il cibo per i gatti. Il mercato degli alimenti per i piccoli felini domestici rappresenta infatti il 53,2% del totale (Grocery + Petshop Tradizionale + Catene) in termini di fatturato, sviluppando 1,048 miliardi di euro con un volume di 250.306 tonnellate. Gli alimenti per cane rappresentano, invece, il 46,8% a valore del totale mercato, pari a quasi 923 milioni di euro.

Nel 2016, hanno registrato una variazione a valore positiva tutti i principali sotto segmenti sia dell'alimentazione cane, sia gatto (umido, secco, snack & treat). In particolare, segnala il Rapporto, gli snack funzionali e fuoripasto hanno registrato dinamiche di crescita a due cifre (+10,3% a valore), confermandosi il segmento più dinamico. Segno meno, invece, per gli alimenti dedicati agli altri animali da compagnia, che realizzano un fatturato in Gdo di poco più di 16,1 milioni di euro, confermando il trend di flessione già registrato l'anno precedente (-6,4%).

Alimenti ma non solo. Il Rapporto - curato con il contributo di Iri-Information Resources e dell'Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (Anmvi) - mette in luce anche il mercato della cura e dell'igiene del pet che traina una crescita sostenuta. Solo per gli accessori - prodotti per l'igiene, giochi, guinzagli, cucce, ciotole, gabbie, voliere, acquari, tartarughiere e utensileria varia - continua infatti anche nel 2016 il trend positivo in GDO3 (+6% a valore e +7% a volume) con un volume d'affari totale pari a 72,3 milioni di euro. A spingere sono in particolar modo i prodotti per l'igiene degli animali (shampoo, spazzole, deodoranti e tutto ciò che ha a che fare con la cura e la bellezza) che crescono del +27,4% a valore rispetto al 2015, seguiti dai giochi (+10,1%) e dagli antiparassitari (+3,5%).



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.