Cerca

29 giugno, perché è festa solo a Roma?

CRONACA
29 giugno, perché è festa solo a Roma?

(AFP)

29 giugno, Roma fa festa. E, con la Capitale, anche la Chiesa. Che commemora la solennità liturgica degli apostoli San Pietro e San Paolo patroni della città.


Secondo quanto raccontato, infatti, agli apostoli Pietro (nato a Betsaida, in Galilea) e Paolo (originario di Tarso) era affidato il compito di annunciare e diffondere il Vangelo a Roma e testimoniare la parola di Gesù Cristo. Entrambi morirono durante la persecuzione anticristiana di Nerone, intorno al 67 d.C..

Pietro, narra la tradizione, fu crocifisso a testa in giù e sepolto in Vaticano presso la via Trionfale; Paolo trafitto con la spada e sepolto sulla via Ostiense. Così, per ricordare la loro missione evangelica, ogni 29 giugno i due apostoli vengono celebrati.

TUTTI GLI EVENTI - Per l'occasione, in città è prevista una serie di manifestazioni.

- CELEBRAZIONE LITURGICA DI PAPA FRANCESCO IN VATICANO: alle 9.30 si celebra la Santa Messa nella Basilica di San Pietro. Alle 12, invece, l'Angelus.

- INFIORATA STORICA DI ROMA IN VIA DELLA CONCILIAZIONE: dal primo mattino e per tutta la giornata.

- REGATA DI CANOTTAGGIO SUL TEVERE: alle 17 si svolge la regata dei circoli storici di canottaggio presso il Ponte Margherita (banchina Regina Margherita, lato Ripetta).

- BANDE MUSICALI MILITARI IN PIAZZA DEL POPOLO: alle 20:30 esibizione della Banda dei Granatieri di Sardegna e Reggimento Lancieri di Montebello, entrambi in tenuta d’epoca.

- GIRANDOLA DI ROMA SULLA TERRAZZA DEL PINCIO: alle 21:30 rievocazione storica dello spettacolo di fuochi d'artificio in sincronia musicale.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.