"Niccolò Bettarini aggredito per futili motivi"

CRONACA
Niccolò Bettarini aggredito per futili motivi

(Fotogramma)

Niccoló Bettarini, figlio della conduttrice Simona Ventura e dell'ex calciatore Stefano, è stato aggredito per futili motivi. Ne è certa la procura di Milano: i suoi aggressori - quattro i giovani fermati con l'accusa di concorso in tentato omicidio - non c'è stata nessuna ragione di carattere politico o calcistico, nonostante tra i fermati ci sia un ultrà della curva dell'Inter sottoposto a Daspo.


I quattro fermati due giovani italiani - un 29enne con precedenti specifici (tra cui possesso di oggetti atti ad offendere) e un 24enne sottoposto a Daspo e vicino all'area degli ultrà dell'Inter - e due giovani albanesi (di cui uno privo di regolare permesso di soggiorno in Italia) sono "gravemente sospettati" dell’aggressione contro il 19enne ieri all’alba vicino in viale Alemagna a Milano.

Niccolò, colpito con 11 coltellate al tronco e all’addome, è ricoverato in prognosi riservata ma non in gravi condizioni all’ospedale Niguarda dove è stato operato. L'intervento, riferiscono dall'ospedale, è durato circa due ore, "durante le quali i chirurghi hanno ricostruito il nervo lesionato nell'arto superiore. L'operazione è perfettamente riuscita". La valutazione del recupero delle funzionalità dell'arto, "come sempre in questo tipo di interventi, richiederà alcuni mesi".

Contro Niccolò c'è stata "una vera aggressione", secondo quanto emerge nella ricostruzione della polizia. Il figlio della ex coppia celebre è stato accoltellato davanti alla discoteca Old Fashion, locale dove oltre alla vittima anche i quattro fermati - "piuttosto alticci", a dire degli investigatori - avevano trascorso la serata. E' qui che potrebbe essere nato il diverbio - che non ha coinvolto direttamente Niccolò - che poi ha portato all'aggressione dopo la chiusura del locale.

In queste ore, il pm Elio Ramondini, titolare dell'indagine sta scrivendo la richiesta di convalida del fermo. Secondo gli inquirenti, i quattro fermati potevano colpire ancora. Il pericolo di reiterazione del reato, insieme al rischio concreto di fuga e l'inquinamento probatorio sono gli elementi che hanno portato a chiedere il provvedimento, sulla cui convalida dovrà decidere il gip. Per gli investigatori esistono "gravi indizi" contro i quattro giovani fermati e riconosciuti dai "parecchi testimoni presenti" che hanno parlato di "una sola arma", probabilmente un coltello, usata per colpire più volte il 19enne. L'arma non è stata trovata. Il caso sembra non essere chiuso: dalle testimonianze gli aggressori "potrebbero essere più di quattro".

Il questore di Milano Marcello Cardona ha intanto sospeso la licenza alla discoteca 'Old Fashion Cafè' per 30 giorni. Il provvedimento, emesso dalla divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Milano, è già stato notificato e gli agenti del Commissariato hanno già apposto i sigilli su ordine del Questore.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.