Chitarre rubate ai Negrita, furto a lieto fine

CRONACA
Chitarre rubate ai Negrita, furto a lieto fine

Ritrovate in un negozio di Perugia le chitarre rubate il mese scorso ai Negrita. Il chitarrista della band, Enrico Salvi, aveva lanciato anche sui social il proprio grido di allarme, per richiamare l'attenzione sul furto. Nella tarda mattinata di ieri, presso un negozio di strumenti musicali situato a Perugia, si sono presentate due persone che proponevano all'esercente la vendita di due chitarre.


Da subito il negoziante è rimasto insospettito dall'atteggiamento dei due individui, ed ha manifestato loro perplessità sulla loro provenienza. I due, una volta intuito che il negoziante aveva colto nel segno, si sono dati a precipitosa fuga a bordo di un'autovettura, lasciando in negozio le due chitarre. L'esercente ha contattato il 113, riuscendo, tra l'altro, a fornire la targa ed una precisa descrizione della vettura utilizzata dai due individui per la fuga.

Nella mattinata di oggi, presso gli uffici della Questura di Perugia, le due chitarre sono state riconsegnate al musicista, che ha ringraziato la Polizia di Stato.

A denunciare due cittadini italiani, rispettivamente di 50 e 35 anni, entrambi pregiudicati con precedenti per furto e ricettazione, i carabinieri della compagnia di Arezzo. Gli uomini sono stati trovati in possesso di altre chitarre dei Negrita rubate la notte di Natale a Castelnuovo di Subbiano (Ar), dove la band le custodiva in un locale di loro proprietà.

In collaborazione con la Questura di Perugia, i militari dell'Arma sono arrivati a individuare, anche grazie alle telecamere di videosorveglianza, i due ladri, che sono stati rintracciati nei pressi del comune di Capolona (Ar). Le successive perquisizioni eseguite dagli stessi carabinieri nei locali nelle disponibilità dei due indagati hanno consentito di recuperare la restante refurtiva costituita da altre quattro chitarre ed alcuni amplificatori. La refurtiva era nascosta all'interno di un capannone situato in un terreno tra i comuni di Subbiano ed Anghiari. I due denunciati dovranno rispondere del reato di ricettazione.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.