Lotteria Italia, tutti i 'Paperoni' mancati

CRONACA
Lotteria Italia, tutti i 'Paperoni' mancati

(Fotogramma)

C'è chi prova a vincere alla lotteria ma poi non controlla i biglietti acquistati e resta un 'Paperone' mancato per tutta la vita. E’ di 28 milioni di euro, riferisce Agipronews, il totale dei premi non riscossi della Lotteria Italia dal 2002 a oggi. Nell’edizione 2017 gli italiani hanno 'dimenticato' di riscuotere 970mila euro, divisi in 9 premi di seconda categoria da 50mila euro ciascuno e 26 di terza categoria da 20mila euro. Tutti reclamati i cinque premi di prima categoria, dai 5 milioni vinti con un biglietto venduto in un’area di servizio di Anagni (Frosinone), ai 500mila euro del tagliando acquistato a Roma, alla stazione Termini. Premi di prima categoria tutti riscossi anche nell’edizione 2016 (ma il totale delle 'dimenticanze' fu comunque da 1,2 milioni). L’ultimo 'black out' milionario fu, ricorda Agipronews, due anni fa, con un biglietto da 2 milioni di euro mai riscosso. Cinque anni fa il totale dei premi lasciati all’erario fu di 1,7 milioni di euro, tra cui il quarto premio da 1 milione finito a L’Aquila, a cui si aggiunsero 6 premi da 60mila euro e 19 premi da 20mila euro.


La storia della Lotteria Italia è costellata da dimenticanze milionarie. Il primato degli 'sbadati' appartiene all’edizione 2008/2009, quando a non essere reclamato fu il primo premio da 5 milioni di euro, venduto a Roma (e rimesso poi in gioco l’anno successivo). Nel 2003 i premi non riscossi ammontarono a quasi 4 milioni di euro. L’anno seguente i biglietti vincenti dimenticati furono del valore di 1,1 milioni. Nel 2007 non furono incassati premi per un totale di 1 milione 125mila euro. Solamente 220mila euro, riferisce Agipronews, i premi dimenticati nell’edizione 2010, mentre nel 2011 le somme lasciate allo Stato furono pari a 2 milioni di euro, corrispondente al secondo premio vinto a Modena, più vincite inferiori per ulteriori 700mila euro. Nell’edizione 2012 furono invece dimenticati premi per 642mila euro.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.