Cerca

"Cosce donne come prosciutti", parroco contro minigonne

CRONACA
Cosce donne come prosciutti, parroco contro minigonne

Immagine di repertorio (Fotogramma)

"Welcome to 1019". E' uno dei tanti commenti ironici all'articolo del bollettino parrocchiale a firma don Alberto Zanier che è stato condiviso sulla pagina 'Sei di Resia se...'. Il prete punta il dito contro la minigonna, le ragazzine e, soprattutto, le loro famiglie. "A San Daniele c'è crisi. Le famose cosce di prosciutto soffrono il mercato. Ma a Resia un altro tipo di cosce non conosce ombra di crisi! Pochi giorni fa potevamo assistere infatti a una bella carrellata di cosce ben in vista! Ma ahimè non di prosciutto San Daniele DOP: magari!" Suadenti e sinuose cosce femminili che facevano la loro bella comparsa dal di sotto di mini (troppo mini) gonne di baldanzose adolescenti nel pieno della loro esuberanza". Una grave "mancanza di rispetto sotto tre aspetti", attacca il parroco, "verso il corpo della donna", "verso gli altri" e, ovviamente, "verso il sacerdote". "La chiesa non è una balera o un boudoir!" e "in tutto questo di chi è la colpa?", si interroga. Non delle ragazze, scrive, delle "mamme" che, chiede polemico, "quando escono di casa vedete come vanno in giro?". Parole che hanno provocato una vera e propria bufera sui social. "Ma di che anno è" chiede Cristina, "sinceramente io di prosciutti non ne ho visti", mentre c'è chi suggerisce di mandare il "prete in Arabia, dove delle donne non si vedono neanche gli occhi", ma c'è anche chi, tra i centinaia intervenuti, inneggia alla rivolta. "Domenica nessuno a messa", scrivono tra le faccine divertite.






RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.