Cerca

Sentenze pilotate, altri due arresti

CRONACA
Sentenze pilotate, altri due arresti

Immagine di repertorio (Fotogramma)

I finanzieri del comando provinciale di Messina hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare che prevede la misura degli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Messina, Maria Militello, su richiesta della Procura della Repubblica di Messina, nei confronti di due persone, indagate per i reati di corruzione in atti giudiziari e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale. Le misure cautelari, entrambe degli arresti domiciliari, sono state adottate nei confronti di un noto imprenditore piemontese Ezio Bigotti, presidente del gruppo STI aggiudicatario di numerose ed importanti commesse della Centrale acquisti del Tesoro e Massimo Gaboardi, che "non ha mai avuto rapporti lavorativi con l’Eni" precisa in una nota la Guardia di Finanza di Messina con riferimento al comunicato stampa diramato oggi.


La vicenda è legata ai noti fatti relativi alla cosiddetta operazione 'Sistema Siracusa' diretta dalla stessa Procura della Repubblica di Messina che, nel mese di febbraio dell’anno scorso, ha portato all’arresto di 13 persone componenti di un 'comitato di affari' capace di condizionare il buon andamento della gestione della giustizia nella provincia aretusea e che, successivamente, sulla base delle dichiarazioni rese dai principali indagati (i legali Piero Amara e Giuseppe Calafiore) ha portato a diversi ed importanti sviluppi investigativi.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.