Ragazzi Scuola vela Mascalzone Latino alla Family Run

CRONACA
Ragazzi Scuola vela Mascalzone Latino alla Family Run

Neanche la temperatura prossima allo zero, i fiocchi di neve e il vento gelido hanno fermato i ragazzi della Scuola vela Mascalzone Latino, questa mattina ai nastri di partenza della Family Run Friends, corsa non competitiva organizzata dalla Napoli Running nell'ambito delle iniziative legate alla Napoli City Half Marathon, in programma domani.


"Con questo vento e con questo freddo i ragazzi di Mascalzone Latino sono la testimonianza dell'energia, della forza e del coraggio per andare avanti e credere in un futuro non solo per loro, ma anche per la città di Napoli", ha commentato Vincenzo Onorato, presidente di Mascalzone Latino, che al nastro di partenza ha voluto salutare i ragazzi della scuola vela fondata nel 2007 per offrire ai ragazzi dai 6 anni in su che vivono in un forte disagio sociale ed economico un'opportunità di riscatto attraverso lo sport della vela e i suoi valori.

"Quello che la scuola di Mascalzone Latino offre loro - ha aggiunto Onorato - è una prospettiva sul mare. Napoli è bagnata dal mare ma non per tutti, sembra una banalità ma non lo è. Per loro il mare significherà una speranza e un futuro di vita, come lo è stato da giovane per me".   L'allerta meteo diramata dalla Protezione civile della Campania per brusco abbassamento delle temperature e forte vento, e l'ordinanza firmata dal sindaco Luigi de Magistris che ha disposto la chiusura di scuole, cimiteri e parchi, ha costretto gli organizzatori a una rivisitazione del percorso della Family Run, passeggiata ludico-motoria riservata a famiglie e amatori che dalla Mostra d'Oltremare avrebbe dovuto raggiungere la vicina Edenlandia.

I partecipanti hanno invece percorso un circuito diramato tra il Teatro Mediterraneo e il Padiglione 3, tutto all'interno della Mostra. Un ridimensionamento dell'evento che non ha intaccato il clima di festa vissuto da tutti i partecipanti, dai ragazzi di Mascalzone Latino agli amatori napoletani, del resto d'Italia e dall'estero.

Una partecipazione che ha anche un importante risvolto sociale: parte del ricavato delle iscrizioni sarà infatti devoluto all'Associazione Sostenitori Ospedale Santobono onlus, creata dai medici dell'ospedale pediatrico Santobono di Napoli con l'obiettivo di migliorare le condizioni di degenza dei piccoli pazienti e dei loro familiari e di acquistare strumenti e apparecchiature mediche per migliorare la qualità delle prestazioni.

Le donazioni offerte all'associazione nello stand presente alla Mostra d'Oltremare andranno al progetto "Sogni d'Oro", che si propone di trasformare le attuali stanze di degenza in camerette a misura di bambino, con letti colorati, culle funzionali, armadi capienti, letti confortevoli per le mamme, comodini, tavoli e sedie.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.