Il figlio dei volontari morti: "Vivevano per la gente comune"

CRONACA
Il figlio dei volontari morti: Vivevano per la gente comune

(Afp)

"I miei genitori erano persone semplici, dedite ai loro impegni di volontariato, grazie ai forti valori che coltivavano. Vivevano per la gente comune. Ma non erano supereroi. Per fortuna di persone di buona volontà come loro, dedite agli altri, ce ne sono tante nel mondo". Lo ha detto all'Adnkronos Andrea Spini, uno dei figli dei coniugi aretini Carlo Spini e Gabriella Vigiani, volontari dell'associazione Africa Tremila, parla dei genitori morti tragicamente nell'incidente aereo in Etiopia.


"Io non vedo i miei genitori come degli eroi, anche se per me sono persone straordinarie - aggiunge il figlio -. Sono persone con grande dignità, con un amore sconfinato verso i figli e i nipoti che poi riversavano anche sugli altri". Carlo Spini e la moglie Vigiani erano impegnati come volontari in Africa dal 2002. "Il babbo è andato in pensione nel marzo di quell'anno e nel giugno successivo è partito per la prima volta. La paura? Non faceva parte della vita del babbo e della mamma".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.