Ricorso in Cassazione per sentenza su 'tempesta emotiva'

CRONACA
Ricorso in Cassazione per sentenza su 'tempesta emotiva'

(Fotogramma)

La "tempesta emotiva" di cui era preda Michele Castaldo, il 57enne reo confesso che il 5 ottobre del 2016, a Riccione, nel Riminese, strangolò Olga Matei, con cui aveva una relazione da un mese, "altro non è se non la proiezione immediata della gelosia, al massimo grado, che ha scatenato il gesto omicida". A scriverlo è la procura generale di Bologna, che ha presentato ricorso alla Cassazione contro la sentenza della Corte di appello che ha quasi dimezzato la pena - da 30 a 16 anni - per l'operaio di origine campana.


Il ricorso, firmato dal procuratore generale Paolo Giovagnoli e dall'avvocato generale Alberto Candi, definisce la sentenza "illogica" e "carente nelle motivazioni e contraddittoria" e contesta le attenuanti concesse. Nelle otto pagine del ricorso si fa riferimento anche alla perizia psichiatrica dalla quale è stata estrapolata l’espressione "tempesta emotiva" e si sottolinea come Castaldo perse il controllo, non a causa dell’incontenibile "turbamento emotivo", quanto piuttosto per via dei "fumi dell'alcol". Per quanto riguarda le "pregresse esperienze di vita" dell’assassino, considerate a loro volta un’attenuante, per la procura generale di Bologna "non stanno al di fuori delle normali negative esperienze di vita che ciascun essere umano si trova ad affrontare".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.