Cerca

"Atto arbitrario di pubblico ufficiale", assolti No Tav

CRONACA
Atto arbitrario di pubblico ufficiale, assolti No Tav

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Cinque attivisti No tav accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale, lesioni e oltraggio sono stati assolti dal tribunale di Torino perché, spiegano i legali, è stato riconosciuto nel loro comportamento la reazione ad atto arbitrario di pubblico ufficiale. I fatti risalgono al 2015 quando si erano verificate tensioni tra forze dell'ordine poste a protezione del cantiere Tav di Chiomonte e alcuni militanti No Tav che non erano stati fatti accedere al cantiere al seguito di alcuni europarlamentari che avevano chiesto e ottenuto di accedere all'area.


"Sono soddisfatta - commenta all'Adnkronos il legale di uno dei militanti No Tav, Valentina Colletta - da una decina di anni nei processi relativi a conflitto sociale e in particolare in quelli che coinvolgono militanti No tav chiedo che sia riconosciuto l'atto arbitrario commesso dalle forze dell'ordine poste a protezione del cantiere e per la prima volta il tribunale lo ha riconosciuto".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.