Cerca

Padova, si rovescia scuolabus

CRONACA

Si rovescia scuolabus e l'autista se ne va. Nel primo pomeriggio i carabinieri di Este (Padova) hanno poi rintracciato l'uomo che era alla guida del mezzo che si è rovesciato ad Arquà Petrarca, con sette studenti contusi. L'autista di 51 anni, romeno, si era allontanato dal luogo dell'incidente, ma è stato rintracciato poco dopo e ora si attendono le disposizioni del magistrato di turno su eventuali provvedimenti a suo carico.

I minori, rimasti feriti nel primo pomeriggio di oggi nell'incidente dello scuolabus ad Arquà Petrarca, sono stati accolti nel pronto soccorso dell'ospedale Madre Teresa di Calcutta di Monselice. Alle 19 di oggi i bambini visitati sono 11 tra i 6 e i 12 anni con prognosi che variano da 1 a 5 giorni, tutti con diagnosi di contusioni lievi. Nello specifico, come riporta il bollettino medico, sono stati diagnosticati 3 traumi cranici, di cui uno con piccola ferita. Due minori sono stati trasferiti nel reparto di Pediatria per ulteriori accertamenti ma al momento risultano già dimessi. Gli altri traumi riscontrati riguardavano spalle e caviglia. Nessuno ha avuto bisogno di ricovero. Tanti sono giunti in ospedale senza accusare alcun sintomo ma solo per controllo preventivo.

TONINELLI, ERA POSITIVO ALCOLTEST - "Stringo forte i ragazzi coinvolti nell'incidente dello scuolabus nel padovano, e le loro famiglie. Grazie a soccorritori e forze dell'ordine" twitta il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. "Quanto all'autista, positivo all'alcoltest, vedo solo un immediato licenziamento che preceda il corso, spero celere, della giustizia".

DI MAIO - "Un abbraccio ai ragazzi dello scuolabus che si è rovesciato e la mia vicinanza alle loro famiglie. Un grazie ai Vigili del fuoco e ai soccorritori che hanno reso possibile il salvataggio. Sempre in prima linea con coraggio e professionalità" scrive in un tweet il vicepremier e ministro, Luigi Di Maio.

SALVINI - Il ministro dell'Interno Matteo Salvini "ha ringraziato le Forze dell'Ordine e sta seguendo personalmente gli sviluppi della vicenda". E' quanto si apprende da fonti del Viminale.

CODACONS - Intanto il Codacons chiede "un giro di vite su tutti i conducenti di bus e pullman adibiti al trasporto di terzi. E’ necessario introdurre controlli stringenti per verificare che tutti i conducenti" siano "in possesso dei requisiti previsti dalla legge, anche per evitare situazioni di potenziale pericolo per studenti e passeggeri – si spiega – . Chiediamo inoltre di accertare quante e quali verifiche siano state svolte dall’azienda che gestiva il servizio di scuolabus sull’uomo, autista del mezzo, prima di affidare a costui un incarico così delicato, e se siano stati vagliati i precedenti dell’uomo e le sue condizioni psichiche".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.
TAG: