Cerca

Tragedia 'Mirabilandia', indagata la madre

CRONACA
Tragedia 'Mirabilandia', indagata la madre

(FOTOGRAMMA)

La mamma del bimbo di 4 anni, che ha perso la vita ieri in una piscina di 'Mirabeach', all'interno del parco dei divertimenti di Mirabilandia, nel ravennate, è stata indagata a piede libero per omicidio colposo in cooperazione. Inizialmente sentita come testimone, l'audizione della donna è stata interrotta per via degli eventuali profili penali che stavano emergendo dalle sue parole. Alla luce dell'affidamento dell'incarico dell'autopsia potrebbero essere presto avvisati altri indagati.


"Saranno decisive, per ricostruire la dinamica del fatto, le riprese filmate realizzate dalle due telecamere, poste sulla piscina", dove "è avvenuto il sinistro". E' quanto ha detto, parlando all'AdnKronos, il procuratore capo di Ravenna, Alessandro Mancini, che coordina, insieme al pm Daniele Barberini, l'inchiesta dei carabinieri.

"Stiamo vagliando i filmati – spiega Mancini - che daranno una ricostruzione oggettiva, al di là delle testimonianze, su come sono andate le cose", mentre "l'autopsia sul corpo del bimbo" con "ogni probabilità, avverrà sabato prossimo”. Sul piccolo è stata disposta l'autopsia che si farà, aggiunge Mancini, "con ogni probabilità sabato prossimo". Si presume che il piccolo sia annegato. Purtroppo sono stati inutili i tentativi di rianimarlo ed è arrivato all'ospedale di Ravenna già senza vita.

In merito al tragico evento, scrive in una nota Riccardo Marcante, direttore generale del parco, "tutti noi dipendenti, collaboratori e manager di Mirabilandia vogliamo esprimere il nostro profondo dolore e la nostra vicinanza ai genitori e ai parenti per questa gravissima perdita. Siamo in stretto contatto con la famiglia che ha il nostro totale supporto. Come sapete, sono in corso alcuni accertamenti e non possiamo rilasciare dichiarazioni. Stiamo collaborando con gli inquirenti per contribuire al buon esito delle indagini".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.