Cerca

Chi è Carola, la comandante che sfida Salvini

CRONACA
Chi è Carola, la comandante che sfida Salvini

(Fotogramma/Ipa)

A soli 31 anni Carola Rackete ha già dimostrato di avere una volontà di ferro. "Ho deciso di entrare in porto a Lampedusa. So cosa rischio ma i 42 naufraghi a bordo sono allo stremo. Li porto in salvo" ha annunciato la comandante della Sea Watch via Twitter, prima di forzare il blocco della Guardia di finanza entrando nelle acque territoriali italiane.


Tedesca, dal 2016 volontaria di Sea Watch, la capitana sa bene il rischio che corre: l'incriminazione per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, la confisca della nave e una multa. Eppure è disposta a tutto pur di mettere fine all'agonia dei 42 migranti a bordo della nave. Persino sfidare il ministro dell'Interno Matteo Salvini. Carola non si piega e non si fa piegare. Neanche la decisione di Strasburgo di rigettare il ricorso della sua ong è riuscito a fermarla.

Per lei parla il suo curriculum. Nata in Bassa Sassonia, Carola - che parla cinque lingue - ha studiato alla Jade University in Germania, poi ha ottenuto un master in scienze naturali alla Edge Hill in Inghilterra con una tesi sugli albatros della Georgia del Sud. La prima volta che è salita su una nave aveva 23 anni e da allora la sua vita è cambiata. A 25 è diventata secondo ufficiale della Ocean Diamond, poi è salita a bordo della Silver Explorer, e ancora Greenpeace. Nel 2016 l'approdo alla Sea Watch. "Perderò la Sea Watch ma per ora forzo il blocco" aveva annunciato lei stessa ieri in un'intervista a 'la Repubblica'. E oggi ha dato seguito alle sue intenzioni.

Salvini l'ha definita "una sbruffoncella che fa politica sulla pelle dei migranti", annunciando conseguenze. "Adesso chi se ne frega ne risponde, chi sbaglia paga" ha ribadito Salvini. Carola però sembra fregarsene. "In 14 giorni nessuna soluzione politica e giuridica è stata possibile. L'Europa ci ha abbandonati. La nostra Comandante non ha scelta".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.