Cerca

Omicidio Roma, fermati due 21enni

CRONACA
Omicidio Roma, fermati due 21enni

Immagine d'archivio (IPA /FOTOGRAMMA)

Sono in stato di fermo i due 21enni, Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, portati in Questura alle 2:45 della notte, sospettati per l'uccisione di Luca Sacchi, il 24enne personal trainer, colpito con un proiettile calibro 38, dopo la tentata rapina davanti a un pub in zona Colli Albani. I due, entrambi operai 21enni, dopo essere stati interrogati per ore in merito all'aggressione a Roma, vicino al Parco della Caffarella, sono stati trasferiti a Regina Coeli (VIDEO 1 - 2) con l'accusa di concorso in omicidio e rapina. L'interrogatorio di convalida del fermo si terrà domani.


"E' molto provato, al momento posso solo dire questo" dice all'Adnkronos l'avvocato Alessandro Marcocci difensore di Valerio Del Grosso. "Tutto si è svolto a notte fonda ed è opportuno attendere le prossime ore quando andrò a trovarlo in carcere".

Ragazzo ucciso, "la mamma è a letto per il dolore"

E' stata intanto trovata, a quanto apprende l'Adnkronos, la mazza da baseball, usata per aggredire la fidanzata di Luca Sacchi. Al ritrovamento, avvenuto nei campi sul Gra, si è arrivati grazie alle ricerche messe in campo da polizia e carabinieri.

La Procura indaga per omicidio volontario. E comincia a delinearsi una dinamica molto diversa da quella emersa subito dopo il delitto: la vittima e la fidanzata potrebbero, ma è solo un'ipotesi investigativa, aver incontrato i due sospettati per trattare l'acquisto di droga. I due avrebbero mostrato di avere i soldi necessari all'acquisto. A quel punto i sospettati si sarebbero allontanati dicendo che andavano a recuperare la droga per lo scambio, ma sarebbero tornati armati, con l'intenzione di rapinare i due senza consegnare loro la droga.

"Luca non faceva uso di droghe"

E così sarebbe andata: i due giovani, tornati vicino al pub di via Franco Bartoloni, zona Colli Albani, hanno rubato lo zaino dove avevano visto i soldi, colpendo la fidanzata della vittima che opponeva resistenza. A quel punto Luca sarebbe intervenuto colpendo uno dei due, mentre l'altro estraeva la pistola (forse una calibro 38) ed esplodeva il colpo rivelatosi poi mortale.

A quanto si è appreso da fonti investigative, i due sospettati sono stati fermati nella notte dopo che un genitore di uno dei due (messo in allarme dal tam tam del quartiere e insospettito perché il figlio era sparito) si era recato in commissariato ammettendo che il figlio aveva probabilmente fatto "una cazzata". Da lì, le forze dell'ordine - che hanno ribadito che i due "non si sono costituiti" (VIDEO) - già sulle loro tracce grazie alle telecamere che avevano ripreso l'auto allontanarsi dalla scena del delitto, sarebbero riusciti poi a rintracciarli.

Uno è stato trovato dagli investigatori in una palazzina a Tor Pignattara mentre l'altro è stato rintracciato in un hotel a Tor Cervara: il primo ha precedenti per stupefacenti mentre il secondo, il ragazzo che avrebbe premuto il grilletto, per percosse. Come spiegato dal dirigente della Squadra Mobile Luigi Silipo, i due "hanno usufruito di legami familiari e conoscenti". Mentre si cerca la pistola che ha fatto fuoco contro la vittima, è stata sequestrata la Smart bianca usata dai due per la fuga e non oggetto di furto. Sequestrato anche lo zainetto rubato alla fidanzata di Luca, all'interno del quale però non sono stati trovati soldi.

Omicidio Roma, "non sono il killer": lo sfogo dell'omonimo

I ragazzi, entrambi operai, sembra non fossero sotto l'effetto di droghe al momento del fermo: davanti a investigatori e inquirenti si sarebbero avvalsi della facoltà di non rispondere. Alla fine degli interrogatori, sono usciti poco prima delle 12 dalla Questura di via di San Vitale, diretti al carcere di Regina Coeli. I due, entrambi del quartiere romano di San Basilio, devono rispondere di omicidio e rapina. Sono già noti entrambi alle forze dell'ordine: uno ha precedenti per droga, l'altro per percosse.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.