Cerca

Coronavirus, sindaco Crema: "Dopo vittima c'è preoccupazione"

CRONACA
Coronavirus, sindaco Crema: Dopo vittima c'è preoccupazione

(Fotogramma)

"Dal basso i territori auspicano che si agisca con tempestività e chiarezza". Lo dice all'Adnkronos il sindaco di Crema Stefania Bonaldi, dopo la notizia della morte di una donna di 68 anni all'ospedale di Crema per coronavirus. "A Crema c'è preoccupazione, il tema è di riuscire a gestire la comunicazione usando i social, io lo sto facendo e credo sia una cosa che rassicura i più - aggiunge il sindaco - Ci sono anche situazioni di psicosi ed è giusto anche ricordarci che stiamo parlando di un virus che non va sottovalutato ma che se non si è in categoria a rischio ha una mortalità bassa".


"Le persone continuano a chiederci di chiudere i supermercati ma se lo facessimo il risultato sarebbe che la gente sarebbe costretta a spostarsi per comprare da mangiare e sarebbe ancora peggio - aggiunge - Bisogna contrastare questa percezione che rischia di sconfinare nel panico avere sangue freddo e responsabilità".

"La vittima di Crema", spiega la sindaca, "è una paziente oncologica pluripatologica e già compromessa che era stata trasferita dall'ospedale di Cremona a Crema. Si tratta di una donna di 68 anni, residente in uno dei paesi della cerchia di Crema. All'ospedale di Crema già da venerdì mattina era stato attivato un doppio triage con un canale separato per i pazienti con sintomatologia da Coronavirus".

"Oggi pomeriggio ci siamo riuniti con i sindaci del cremasco, che è al confine con diversi comuni lodigiani e lambisce quelli interessati dai provvedimenti più restrittivi - aggiunge - ci siamo attivati per la sospensione del carnevale e di tutti quanti gli eventi pubblici con un'ordinanza da sabato scorso. Abbiamo chiuso impianti sportivi e palestre private, sospeso le competizioni sportive di ogni livello e anche gli allenamenti. Avevamo le scuole già chiuse domani e martedì per il carnevale ma abbiamo allineato a queste date anche la chiusura degli asili nido e delle scuole materne".

"L'obiettivo della riunione era quello di assumere le ordinanze per prolungare almeno tutta le settimana la chiusura delle scuole ma siamo in attesa di un provvedimento della Regione Lombardia - spiega - Se non sarà preso questo provvedimento domani siamo pronti a farlo noi. Inoltre a breve avremo una riunione con la Regione in videoconferenza: si tratta di capire cosa decideranno di fare anche rispetto alla delimitazione della zona rossa visto che il dpcm consente anche di allargare le maglie, siamo in attesa di capire se verrà ampliata. Dal basso i territori auspicano che si agisca con tempestività e chiarezza".

"Al momento nella nostra zona abbiamo tre casi accertati a Sesto Eduniti, Pizzighettone e Soresina ma attendiamo la conferma di altre positività'', conclude il sindaco.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.