Cerca

Coronavirus, sindaco Sassuolo vicino preti per preghiera: ira sui social

CRONACA
Coronavirus, sindaco Sassuolo vicino preti per preghiera: ira sui social

(Foto dal profilo Facebook del Comune di Sassuolo)

Sta suscitando molta indignazione e una valanga di commenti arrabbiati una foto postata ieri, intorno alle 20, sul profilo istituzionale del Comune di Sassuolo (Modena), poco prima che Conte annunciasse le nuove restrizioni. Nell'istantanea,  il sindaco leghista Gianfrancesco Menani, è in mezzo a tre sacerdoti della città, senza nessuna distanza di sicurezza, per una preghiera alla Madonna.


"L'amministrazione Comunale - si legge nel post -, nella persona del sindaco, e le parrocchie di Sassuolo hanno tenuto, da pochi minuti, un momento di affidamento e preghiera alla Vergine Maria per affidare alla sua protezione la città di Sassuolo, tutti i concittadini, gli ammalati, i volontari, i medici e gli infermieri che, quotidianamente, affrontano in prima linea questo momento difficile. Naturalmente, per deporre un mazzo di fiori in grembo alla statua della Vergine Maria, non è stata rispettata la distanza di un metro tra tutti, ma si è trattato di un solo istante e naturalmente per il bene di tutti noi".

Tra gli internauti che commentano la foto, c'è chi annuncia denunce, tanti invocano una multa, qualcuno parla di "comportamento immorale", quasi tutti di "irresponsabilità" e in diversi chiedono di togliere la foto che potrebbe dare un cattivo esempio. Anche i credenti protestano.

"Dio ci sente anche se preghiamo da soli e in casa" fanno notare. E interviene anche la deputata modenese del Pd, Giuditta Pini: "Mentre tutto il Paese guarda a noi rappresentati delle istituzioni - commenta sotto la foto - per un post state facendo fare a tutti una figura misera e dando il messaggio sbagliato che per una foto si può fare assembramento. Non tutti siamo all'altezza del momento, lo capisco, ma uno sforzo in più è sempre gradito".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.