Cerca

Il sindaco di Casalpusterlengo (zona rossa): "Dal governo nemmeno una mascherina"

Delmiglio: "Sacrificio economico imprenditori sia compensato, sono spariti addirittura i 500 euro una tantum per le attività che avevano chiuso. Governo esamini proposte sindaci"

CRONACA
Il sindaco di Casalpusterlengo (zona rossa): Dal governo nemmeno una mascherina

di Silvia Mancinelli


Dal punto di vista sanitario la situazione è migliorata. Non dico che intravediamo la luce in fondo al tunnel, ma stanno arrivando segnali incoraggianti; ormai, credo anche grazie alle misure adottate, si parla di pochissimi contagi soprattutto qui nella zona rossa. Non siamo soddisfatti, tuttavia, per alcune risposte che non ci sono arrivate: con le mascherine stiamo facendo tutto da soli, con i nostri mezzi, con le nostre forze, con la collaborazione della Regione che ogni settimana ci manda migliaia di mascherine con cadenza settimanale. Anche noi come Comune e tramite donazioni ci siamo sempre riforniti in maniera autonoma ma dal governo non è arrivata nemmeno una mascherina". Lo dice all'Adnkronos Elia Delmiglio, sindaco di Casalpusterlengo, tra i dieci comuni della ex zona rossa, commentando la situazione ad oggi nel suo comune del lodigiano.

"Come sindaci avevamo chiesto una serie di misure ad hoc per la zona rossa - continua - Tutti adesso se ne sono dimenticati, ma qui per 15 giorni il mondo economico, produttivo, artigianale, commerciale si è fermato completamente. Chiediamo che le proposte avanzate al governo almeno vengano discusse, perché il sacrificio dei nostri imprenditori, delle nostre partite iva e delle famiglie non può restare inosservato dopo oltre 50 giorni. Il sacrificio è stato fatto, venga compensato anche economicamente, sono spariti addirittura i 500 euro una tantum per le attività che avevano chiuso".

Per quanto riguarda, invece, i buoni spesa "siamo arrivati quasi alla fine della prima parte della gestione - spiega il sindaco di Casalpusterlengo - Sono arrivate più di 250 domande, la rete dei servizi sociali ha organizzato oltre 150 colloqui, ci sono state delle non ammissioni, delle sospensioni, ci sono alcune situazioni da rivalutare ma nel complesso riusciremo ad aiutare cento utenti. Non abbiamo esaurito tutte le risorse, perché sappiamo che l'emergenza si protrarrà ancora qualche mese".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.