Cerca

Fase 2, Sala: "Lunedì riapre numero negozi impressionante, è ora di aiutarli"

CRONACA
Fase 2, Sala: Lunedì riapre numero negozi impressionante, è ora di aiutarli

(Fotogramma)

"Le vetrine dei negozi sono un po' gli occhi della città e da lunedì vedremo questi occhi riaprirsi. C'è un quotidiano tedesco 'Süddeutsche Zeitung', di solito non molto tenero nei giudizi sul nostro Paese, che descrive questo ritorno alla normalità dell'Italia e di Milano. Il giudizio su Milano è veramente lusinghiero, viene descritta come la capitale industriale e finanziaria del Paese, ma soprattutto si sofferma sulle altre qualità a partire dalla moda, Milano appare come un autentico laboratorio di bellezza". Inizia così il video con cui il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, si rivolge ai milanesi in attesa della riapertura di gran parte delle attività commerciali decise per la fase 2 dell'emergenza coronavirus.


Da lunedì molti dei negozi torneranno ad aprirsi, "sono numeri impressionanti, cito ad esempio 2.200 negozi di abbigliamento, 700 di calzature, 2.900 parrucchieri, 4.800 bar, 3.400 ristoranti". Si tratta per la maggior parte di piccoli imprenditori "che vivono di casa e bottega mettendo insieme il bilancio della loro attività e della loro famiglia. Sono in difficoltà e io credo che sia il momento di dar loro una mano", dice il primo cittadino.

Il video postato sulla sua pagina Facebook si chiude al bancone del bar Marchesi dove Sala gusta un "caffè ancora da asporto", servito da un barista rossonero che si mette sull'attenti. "Adesso riparte il campionato, per un interista mettere sull'attenti un milanista...", le parole del primo cittadino. "Quando possiamo ricominciare a metterlo nella chicchera?", chiede il barista facendo riferimento alla possibilità di utilizzare la tazzina in ceramica. "Vado fuori, bevo il caffè e poi vado a chiamare Fontana", chiosa Sala.

Il sindaco di Milano interviene anche con un post pubblicato su Instagram. "Dire che la situazione sanitaria ora è sotto controllo può risultare irrispettoso per chi ancora soffre, o addirittura muore, per il Coronavirus. Ma è indubbio che ci sia stato un grande miglioramento - osserva - Ringrazio i milanesi per il loro comportamento e il personale medico per la straordinaria dedizione. Torneremo a popolare le nostre vie e le nostre piazze, però nel pieno rispetto delle regole. Il virus non è stato vinto, ci siamo comunque difesi bene in questo duro primo tempo".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.