Cerca

Fase 3, Arcuri: "Libertà riconquistata, ora preserviamola"

CRONACA
Fase 3, Arcuri: Libertà riconquistata, ora preserviamola

(Fotogramma)

di Enzo Bonaiuto


"Senza il lockdown dall'11 marzo, il 3 giugno sarebbe stato un giorno come un altro: senza i sacrifici di tutti noi, le nostre città sarebbero state ancora vuote e desolate e doloranti e i nostri balconi addobbati solo di bandiere silenziose...". E' la riflessione del commissario straordinario per l'emergenza coronavirus Domenico Arcuri, con cui apre la conferenza stampa dalla sede della Protezione Civile.

"Senza una consapevole gestione dell'emergenza - prosegue Arcuri - il coronavirus si sarebbe esteso probabilmente in tutto il Paese con la stessa profondità e la stessa drammatica gravità. E invece, finalmente, il 3 giugno non è stato un giorno come un altro: abbiamo riconquistato la nostra libertà che ha un valore incommensurabile, ma ora dobbiamo preservarla - avverte il commissario straordinario - Dipende da noi e dai nostri comportamenti che quei giorni non ritornino".

"Il vaccino non è stato ancora trovato: dobbiamo essere consapevoli che la crescita della mobilità moltiplica i contatti con gli altri e quindi potenzialmente moltiplica le possibilità di contagio" avverte inoltre Arcuri. "Questa non è né più né meno che una evidenza statistica", tiene a chiarire.

TAMPONI - "In questa fase dell'emergenza, noi abbiamo allora un dovere rinnovato: cercare ancora di più il virus, riconoscerlo, stanarlo, indebolirlo. Servono i tamponi, servono i reagenti per estrazione e per amplificazione, serve una rinnovata strategia e un crescente impegno nei test molecolari - sottolinea - In queste ultime settimane abbiamo lavorato con le Regioni, che hanno tutte collaborato, con l'obiettivo di trovare il numero maggiore possibile delle componenti che servono a fare i test molecolari nel numero massimo possibile".

"Abbiamo calcolato - riferisce - che, alla fine dell'anno, il 28% della popolazione italiana potrà essere sottoposta a un tampone, se ciò sarà necessario o anche soltanto utile". "Si tratta quasi di un italiano su tre: faremo tante 'fotografie', ma - tiene a sottolineare Arcuri - non ci stancheremo mai di dire che il tampone non è un passaporto sanitario di immunità, ma è una istantanea che ci dice se in quel momento il coronavirus ci ha colpito oppure no".

Dall'inizio della crisi coronavirus in Italia, "sono stati somministrati in media 39.500 tamponi al giorno; nel mese di maggio la media è salita a 61.000 ogni giorno. C'eravamo posti l'obiettivo di far crescere stabilmente questo numero, d'accordo con il ministero della Salute e il Comitato tecnico scientifico, fino a 84.000 tamponi al giorno, numero ragionevole anche considerando la flessione della curva dei contagi - riferisce il commissario straordinario - Siamo riusciti a superare questo risultato e dai prossimi giorni sarà possibile effettuare fino a 89.000 tamponi al giorno, con un +47% rispetto al dato già rilevante dell'ultimo mese".

TERAPIE INTENSIVE - Arcuri riferisce anche le cifre delle terapie intensive: "Oramai, i posti in terapia intensiva nei nostri ospedali si sono stabilizzati: le Regioni hanno giustamente disposto che quelli provvisori venissero smobilitati perché non servivano più. Oggi, ci sono 7.371 posti letto in terapia intensiva, sono 85% in più rispetto a quelli che c'erano all'inizio dell'emergenza e sono 22 volte di più di quelli che oggi servono".

MASCHERINE - Quanto ai dispositivi di protezione, "il numero di mascherine chirurgiche italiane, che abbiamo ordinato, da qualche giorno è superiore a quello delle mascherine chirurgiche non italiane: ci sono 22 aziende che hanno sottoscritto i contratti che ci forniranno 1 miliardo 876 milioni di mascherine, e nei prossimi giorni se ne aggiungeranno altre 4 e supereremo i 2 miliardi di mascherine italiane" annuncia Arcuri.

"Mi piace sottolineare - prosegue - che il costo medio di queste forniture è di 41 centesimi, cioè di 9 centesimi inferiore al prezzo calmierato di 50 centesimi". Il commissario straordinario ricorda anche che "85 giorni fa non c'era nessuna mascherina prodotta in Italia. Nell'ultima settimana ne abbiamo distribuite 44.461.000, oltre 6 milioni al giorno".

Inoltre, "da oggi è iniziata la distribuzione nei 3.595 istituti scolastici in cui a partire dal 17 giugno ci saranno gli esami di maturità, in cui manderemo direttamente, in collaborazione con il ministero dell'Istruzione, 5.200.000 mascherine: è indispensabile che i nostri ragazzi possano fare gli esami di maturità in totale sicurezza. Diamo volentieri un contributo perché questo accada e ci stiamo preparando per dotare tutte le nostre scuole delle mascherine, alla riapertura di settembre".

"Abbiamo fatto tutto in 85 giorni: per una volta, sarebbe davvero bello se tutti ci accorgessimo che siamo stati straordinari" tiene a sottolineare Arcuri in conferenza stampa. "Siamo da sempre uno strano Paese, un mix di autolesionismo e di virtuosismo, di critiche e di opere, di chiacchiere e di fatti. Finora - rimarca - i fatti hanno prevalso sulle chiacchiere, le opere hanno prevalso sulle critiche e il virtuosismo, la responsabilità e la solidarietà hanno prevalso sull'autolesionismo. Se ce lo ricordiamo tutti i giorni, sono sicuro che continueremo a essere così".

"Le manifestazioni di piazza? Mi hanno fatto più effetto gli assembramenti dei giovani, non sempre con il distanziamento dovuto" risponde poi il commissario straordinario nel corso della conferenza stampa dalla sede della Protezione Civile. Arcuri raccomanda ancora ai più giovani di "essere responsabili, prendersi tutto il bello della libertà, ma pensare che si può sorridere anche con una mascherina e che il colore e la luce dei nostri occhi non vengono coperti: basta e avanza, per conservarci la libertà che abbiamo riconquistato".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.