Cerca

Dj Aniceto si scusa per tweet su Zanardi: "Ho fatto una str....'

CRONACA
Dj Aniceto si scusa per tweet su Zanardi: Ho fatto una str....'

"Ho capito che ho fatto una grande stronzata a scrivere quel tweet, chiedo davvero scusa a tutti. Sono veramente dispiaciuto, me ne sono subito pentito, ho cercato di cancellarlo, ma è stato inutile, purtroppo ho visto che molti lo avevano già fotografato". E' un avvilito Dj Aniceto quello che affida le sue scuse all'Adnkronos per il tweet - infelice e subito rimosso- su Alex Zanardi. "Se l'è cercata", aveva postato ieri sera il rapper, scatenando le ire di centinaia di utenti indignati per la scarsa sensibilità dimostrata con le sue parole.


"Io sono una persona che lancia spesso provocazioni, perché è un modo per attirare l'attenzione su alcuni concetti -spiega Aniceto- e siccome lì per lì mi sono arrabbiato, pensando che si trattasse di una gara amatoriale, ho pensato a quest'uomo che va sempre oltre ogni limite e mi sono chiesto il perché. Ma siccome sono un cretino, uno che fa le cose d'impeto, ho scritto questa stronzata, una cosa davvero brutta".

Il rapper, impegnato da sempre nel sociale, ci tiene ad aggiungere: "Sono un grandissimo ammiratore di Alex, ho un grande dolore, non vedo l'ora di sapere che lui si salva. Mi sono reso conto di avere scritto una cosa brutta, devo imparare a scrivere le cose prima sul computer e poi sui social". E conclude: "Alex non se lo merita. E' un genio, aiuta i disabili. Dovevo rispettare il suo desidero di essere uno sportivo fino in fondo, sono mortificato. Non mi dovevo permettere".

In seguito al post, ieri sera e durante la giornata di oggi sul profilo Twitter del dj si era scatenato un putiferio. "Fai schifo, vergognati!", scriveva più di un utente. "Un tweet più infame di quello che hai cancellato non potevi scrivere -aveva tuonato un altro internauta- Sei disgustoso". "Non sei obbligato a scrivere un tweet su Zanardi. Anche perché non hai neanche il minimo del cervello, della forza, del coraggio e delle palle che ha lui".

(di Ilaria Floris)



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.