Cerca

Marò, Corte arbitrale: giurisdizione spetta a Italia

CRONACA
Marò, Corte arbitrale: giurisdizione spetta a Italia

(Fotogramma)

La giurisdizione sul caso dei due marò spetta all'Italia. Lo ha stabilito la Corte arbitrale. Massimiliano Latorre e Salvatore Girone dovranno essere processati in Italia. "La sentenza arbitrale, nella sua parte dispositiva, stabilisce in particolare che i Fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone godono della immunità in relazione ai fatti accaduti durante l’incidente del 15 febbraio 2012 e all’India viene pertanto precluso l’esercizio della propria giurisdizione nei loro confronti", si legge nella nota della Farnesina.


Conte: "Buona notizia"

Salvini: "Meritano di essere trattati con guanti bianchi"

"Il Tribunale arbitrale ha dunque accolto la tesi sempre sostenuta dall’Italia in tutte le Sedi giudiziarie – indiane e internazionali – e cioè che i due Fucilieri di Marina erano funzionari dello Stato italiano, impegnati nell'esercizio delle loro funzioni, e pertanto immuni dalla giustizia straniera", prosegue la nota. "L'Italia dovrà esercitare la propria giurisdizione e riavviare il procedimento penale sui fatti occorsi il 15 febbraio 2012, a suo tempo aperto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma", secondo la decisione della corte. Inoltre, si legge, "L'Italia ha violato la libertà di navigazione sancita dagli articoli 87 e 90 della Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare del 10 dicembre 1982, e dovrà pertanto compensare l’India per la perdita di vite umane, i danni fisici, il danno materiale all’imbarcazione e il danno morale sofferto dal comandante e altri membri dell’equipaggio del peschereccio indiano “Saint Anthony”. Al riguardo, il Tribunale ha invitato le due Parti a raggiungere un accordo attraverso contatti diretti. L’Italia è pronta ad adempiere a quanto stabilito dal Tribunale arbitrale, con spirito di collaborazione".

Stato Maggiore Difesa convoca i due fucilieri

Di Maio: "Anni di battaglie, ha prevalso la tesi italiana

"La Farnesina sottolinea che la decisione del Tribunale arbitrale lascia impregiudicato l’accertamento relativo ai fatti e al diritto per quel che concerne il procedimento penale che dovrà svolgersi in Italia -conclude la nota-. Si desidera esprimere apprezzamento per l’efficace lavoro svolto in questi anni dal team legale a tutela dell’Italia nelle sedi giudiziarie indiane e internazionali".

Le tappe della vicenda

Guerini: "Ora sarà accertata la verità"

"La tesi dell’Italia, dopo anni di lunghe battaglie, ha dunque prevalso. I nostri due militari, funzionari dello Stato italiano, impegnati nell'esercizio delle loro funzioni sono immuni dalla giustizia straniera", scrive in un post su Facebook Luigi Di Maio, a commento della decisione del Tribunale arbitrale dell’Aja.

"È una notizia molto positiva -afferma il ministro degli Esteri - che premia il grande lavoro svolto in questi anni dal team legale a tutela dell’Italia nelle sedi giudiziarie indiane e internazionali, nonché l’impegno diplomatico che il nostro Paese non ha mai fatto mancare alla causa dei due fucilieri di Marina".

La figlia del marò Latorre: "Un giorno qualcuno chiederà scusa"

"Non abbiamo mai smesso di seguire questo caso, ma voglio ringraziare anche chi mi ha preceduto per la costanza e la determinazione impiegate su questa vicenda. L’Italia naturalmente rispetterà quanto stabilito dal Tribunale arbitrale, con spirito di collaborazione", scrive ancora Di Maio. "Oggi - conclude -si mette un punto definitivo a una lunga agonia. Un abbraccio ai nostri due marò e alle loro famiglie".

Il generale Del Sette: "Vittoria per l'Italia"

L'INDIA "PRENDE ATTO" - L'India "prende atto" del pronunciamento del Tribunale arbitrale sul caso e "si metterà in contatto con le autorità interessate dalla questione", ha spiegato il portavoce del ministero degli Esteri a Nuova Delhi dopo aver riassunto il contenuto della sentenza.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.