Cerca

Strage Dacca, fratello vittima: "Dolore indelebile, istituzioni vicine"

CRONACA
Strage Dacca, fratello vittima: Dolore indelebile, istituzioni vicine

Adele Puglisi

di Francesco Bianco


"Il dolore per la morte mia sorella resterà indelebile per tutta la mia vita. Non si cancella". Lo afferma all’Adnkronos, Matteo Puglisi, fratello di Adele, vittima del feroce attentato terroristico del primo luglio del 2016 a Dacca e precisamente al ristorante Holey Artisan Bakery, nella zona protetta delle ambasciate e delle residenze della maggior parte dei lavoratori stranieri. Attentato prontamente rivendicato dall'ISIS. Le vittime furono 22, di cui 9 italiani. La seconda per numero di caduti, dopo quella di Nassiria.

"I corpi dei nostri cari - ricorda Matteo Puglisi - furono orrendamente sfigurati dai loro assassini. Le istituzioni della Repubblica Italiana, ci sono state vicine fin dal primo momento. La stampa italiana invece, inspiegabilmente, sembrava essersi dimenticata dell'accaduto".

"Quest'anno - sottolinea il fratello di Adele- anche per merito di chi ha sollecitato insistentemente le varie redazioni, la RAI, TG1 e TG2, ha dedicato più di un servizio all'attentato di quattro anni fa".

Puglisi aggiunge di rendersi conto di "essere un privilegiato, perché il comune di S. Croce Camerina, di cui Puntasecca è frazione, ha voluto ricordare mia sorella con una stele sulla spiaggia, nello specifico quella di ‘Montalbano’, a cui tutti noi, amici e parenti, possiamo fare riferimento per una preghiera o un pensiero, e che rappresenta la volontà di non dimenticare".

"Anche se - evidenzia Puglisi - è chiaramente impossibile dimenticare il modo in cui ne siamo stati privati. L'associazione che ci rappresenta come familiari, invece, da anni lotta per un monumento ufficiale a Roma, ottenendo soltanto mezze promesse o zone periferiche della nostra e loro Capitale".

"Un artista - conclude all’Adnkronos Matteo Puglisi- ha già scolpito una figura, che è anche una stele, per non farli dimenticare al popolo italiano, come ci sembra giusto che sia".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.