Cerca

Strage Bologna, pg: 'da Gelli 1 milione di dollari a esecutori'

CRONACA
Strage Bologna, pg: 'da Gelli 1 milione di dollari a esecutori'

Fotogramma

Un milione di dollari in contanti. Sarebbe questa la somma di denaro consegnata, pochi giorni prima della Strage di Bologna del 2 agosto 1980, ad alcuni esecutori già condannati in via definitiva per l’attentato alla stazione ferroviaria. Fondi provenienti, secondo quanto si apprende, dai conti svizzeri di Licio Gelli e che facevano parte di una somma più ampia, circa 5 milioni, che tra il 1979 e il 1982 sarebbero transitati a più riprese anche agli organizzatori e ai depistatori. Il particolare emerge dall’inchiesta della Procura generale di Bologna, nell’ambito dell'indagine sui mandanti e i finanziatori dell'attentato, che poco tempo fa ha visto la richiesta di rinvio a giudizio per 4 persone, tra cui l’ex esponente di Avanguardia nazionale, Paolo Bellini, accusato di concorso nella strage del 2 agosto.


Secondo gli inquirenti, che nell’ambito dell’inchiesta hanno ricostruito il flusso del denaro, nei giorni immediatamente precedenti la strage, Gelli, un suo factotum e alcuni esecutori si trovavano nella medesima località e in quell’occasione, è l’ipotesi, Gelli (o il suo emissario) avrebbero consegnato il milione in contanti agli esecutori, ex Nar condannati in via definitiva.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.