Cerca

Bper Banca, riaperta la filiale di Cavezzo con nuovo look in sede storica

Era andata distrutta durante il terremoto del 2012 e trasferita in via Cavour

CRONACA
Bper Banca, riaperta la filiale di Cavezzo con nuovo look in sede storica

E’ stata inaugurata ieri pomeriggio alle 17 in via Gramsci 2, la filiale BPER Banca di Cavezzo che era andata distrutta a seguito del terremoto del maggio 2012 e quindi trasferita in una sede provvisoria in via Cavour. Alla cerimonia del taglio del nastro, organizzata nel rispetto delle attuali normative di sicurezza, hanno partecipato diverse autorità cittadine tra cui il Sindaco Elisa Luppi, il Maresciallo dei Carabinieri Marco Gelati e il parroco Don Giancarlo Dallari; in rappresentanza dell’Istituto erano presenti il Vice Direttore Generale & Chief Business Officer Pierpio Cerfogli, il Coordinatore Regionale Nord Tarcisio Fornaciari, il Direttore Regionale Emilia Centro Ermanno Ruozzi, lo Chief Human Resource Officer Giuseppe Corni, l’Area Manager Modena Nord Marco De Iuliis e il Direttore della filiale Alberto Giacomelli, insieme con il team di colleghi.


Pierpio Cerfogli ha dichiarato: “Il ricordo dei giorni del terremoto è ancora ben vivo nei cittadini di questo paese e in tutti noi. Ma dopo tanta devastazione ci siamo rialzati in fretta e con grande forza di volontà, trovando energie inaspettate. La riapertura di questa filiale, ricostruita nella sua sede storica seguendo le linee guida del moderno new concept, è uno dei simboli dell’indomita voglia di fare e della tenacia che sono tipiche della nostra terra. Oggi ci troviamo di fronte a un’altra emergenza, di natura economica e sociale, che ha seguito quella sanitaria, ma sono fermamente convinto che la stessa tenacia di allora ci accompagnerà per superare anche questo momento, avviandoci lungo il cammino della ripresa”.

In occasione della riapertura ha inviato un suo messaggio il Cavaliere del Lavoro Ettore Caselli, a lungo Presidente di BPER Banca e prima ancora Direttore Generale della Banca Popolare di Cavezzo, poi confluita nell’Istituto. “Ho ben presente – ha ricordato – la triste mattina di maggio in cui mi recai a Cavezzo dopo il sisma. E non nascondo di essermi commosso, in quel luogo cui sono legati tanti ricordi della mia vita professionale. Allora dovemmo reagire subito, erano oltre venti le filiali chiuse per i danni subìti. La continuità operativa non fu interrotta e i nostri camper svolsero un ruolo indispensabile di servizio e conforto per la popolazione. Oggi, otto anni dopo, è invece un giorno di gioia, in cui la filiale rinnovata simboleggia la vicinanza concreta ai territori che da sempre contraddistingue la nostra attività”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.