Cerca

Controlli Polfer, senza mascherina aggredisce gli agenti

CRONACA
Controlli Polfer, senza mascherina aggredisce gli agenti

(Fotogramma)

E' di 17 arrestati, 190 indagati e oltre 63.000 identificati il bilancio dei controlli compiuti nel corso della scorsa settimana dalla polizia ferroviaria sui treni e nelle stazioni ferroviarie, per un totale di 4.733 pattuglie impegnate in stazione e 560 a bordo treno: 291 i servizi antiborseggio e 176 le sanzioni elevate, 29 i minori non accompagnati rintracciati e riaffidati alle famiglie o alle comunità; 75 i cittadini stranieri sorpresi in posizione irregolare.


Le attività sono state intensificate anche grazie all'operazione "Rail Safe Day", una giornata di controlli straordinari organizzata lo scorso 6 agosto dalla Polfer in 602 località sensibili in tutta Italia, di cui 530 stazioni per contrastare comportamenti anomali ed impropri in ambito ferroviario che spesso sono causa di incidenti: 11.587 le persone controllate e 52 le sanzioni applicate a chi è stato sorpreso a non rispettare le norme di sicurezza in ambito ferroviario.

In particolare, un marocchino di 18 anni è stato arrestato nella stazione ferroviaria di Milano Centrale per aver tentato di rapinare un venditore ambulante. Lo straniero, dopo aver cercato di asportare un caricabatterie per cellulare alla vittima, lo ha colpito con un pugno al volto e minacciato con un coltello. La scena è stata notata da una guardia giurata che ha allertato gli agenti della Polfer. L’uomo, dopo essere stato bloccato, è stato portato nel carcere di San Vittore. Sempre a Milano Centrale sono stati arrestati un iraniano di 26 anni e un algerino di 28. Il primo per aver cercato di espatriare con un documento d’identità falso e il secondo per aver rubato un portafogli ad un viaggiatore mentre era su un tapis roulant della stazione.

Nello scalo ferroviario di Milano Farini è stato arrestato un iraniano di 40 anni per possesso di droga finalizzata allo spaccio. L’uomo, fermato dagli agenti per l’identificazione, ha subito mostrato uno stato di agitazione immotivato: sottoposto ad un controllo più approfondito è stato trovato in possesso di sei bustine di circa dieci grammi di metanfetamina, nota come "shaboo". La sostanza, considerata tra le più potenti droghe sintetiche, è stata sequestrata e l’uomo è stato portato in carcere.

Nella stazione ferroviaria di Riccione gli agenti hanno arrestato un ghanese per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale: dopo aver tentato di eludere il controllo dei biglietti a bordo di un treno, alla vista dei poliziotti ha dato in escandescenza aggredendo gli operatori che sono riusciti a bloccarlo solo al termine di una colluttazione, riportando lesioni guaribili in 7 e 10 giorni.

A Bologna, nel corso dei controlli preventivi effettuati all’interno dello scalo, gli agenti hanno invitato un diciannovenne italiano della provincia di Como ad indossare la mascherina. Il giovane ha prima insultato i poliziotti e poi alla loro richiesta di fornire un documento d’identità, li ha aggrediti con calci e pugni. Dopo essere stato bloccato, lo stesso è stato accompagnato all’interno degli uffici della Polfer e trovato in possesso di un coltello a serramanico, alcune decine di grammi di marijuana oltre a 1.000 euro in contanti. La successiva perquisizione a casa del giovane ha portato al ritrovamento di tre piante di marijuana e attrezzi per la coltivazione.

Un 26enne italiano, fermato per un controllo, è stato arrestato nella stazione di Firenze Santa Maria Novella perché gravato dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno a Modica oltre alla misura cautelare dell’obbligo di dimora, sempre nello stesso comune.

Nella stazione ferroviaria di Napoli Centrale è stato arrestato un 48enne italiano per furto. L’uomo, dopo essere entrato in una nota libreria dello scalo, si è impossessato di 16 dischi in vinile sottraendoli dallo scaffale. Il gesto non è passato inosservato agli occhi della vigilanza interna che, immediatamente, ha allertato gli agenti della Polfer. L’uomo è stato condannato con rito direttissimo e la refurtiva è stata riconsegnata al negozio.

Tra le storie a lieto fine quella del salvataggio di un cittadino straniero che, con intenti suicidi, è stato visto camminare lungo la massicciata tra Albenga e Ceriale. Gli operatori della Polfer di Genova, dopo aver chiesto il rallentamento dei convogli in transito, hanno raggiunto l’uomo che nel frattempo si era sdraiato sui binari proprio mentre giungeva un treno regionale. Lo straniero, con problemi psichici, nonostante cercasse di divincolarsi, è stato messo in salvo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.