Cerca

Festini con coca e minorenni a Bologna, 7 misure cautelari

CRONACA
Festini con coca e minorenni a Bologna, 7 misure cautelari

(Fotogramma)

Festini a base di sesso e cocaina, in cui risulterebbero coinvolte diverse ragazze tra cui almeno due minorenni, che avvenivano nella residenza di noto imprenditore, chiamata 'Villa inferno'. E' quanto ha scoperto il nucleo operativo dei carabinieri della compagnia Bologna Centro che oggi ha eseguito sette misure cautelari di vario tipo nei confronti di altrettante persone accusate a vario titolo di induzione alla prostituzione e reati in materia di stupefacenti.


Tra le persone coinvolte nell'indagine, un agente immobiliare, Luca Cavazza, 27 anni, candidato per la Lega con Lucia Borgonzoni alle ultime elezioni regionali, che è ai domiciliari. Domiciliari anche per Fabrizio Cresi. Per l'imprenditore di Pianoro Davide Bacci, proprietario della villa, è invece scattata la custodia in carcere, sulla base dell’ordinanza del gip Letizio Magliaro e delle richieste del pm Stefano Dambruoso.

L'indagine è partita dalla denuncia di una madre che aveva visto dei video nel cellulare della figlia, in cui era ripresa mentre faceva sesso di gruppo. La ragazza avrebbe sostenuto, in sede dei denuncia, di aver partecipato a uno dei festini in cui, dopo aver assunto un grande quantitativo di cocaina, non più lucida, sarebbe stata coinvolta in atti sessuali mentre non era in grado di opporre resistenza. Altri filmati delle serate a base di orge e droga circolerebbero in rete. Oltre alle tre misure cautelari più gravi, a quattro persone è stata applicata la misura dell'obbligo di firma, tra cui un ingegnere. Coinvolti poi anche un avvocato e un ristoratore. La loro posizione sarebbe meno grave perché non coinvolti nell'organizzazione dei festini ma semplici partecipanti. In tutto gli indagati dalla Procura sono otto, tutti bolognesi.

Da quanto è emerso, i festini andavano avanti dall'autunno del 2019 e sono durati fino ai primi mesi del 2020 nella villa di Bacci. La residenza di Bacci, ora in carcere, si trova tra Pianoro e Rastignano, nel Bolognese.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.