Cerca

Berlusconi, Bassetti: "Oggi virus meno letale e cure migliori"

CRONACA
Berlusconi, Bassetti: Oggi virus meno letale e cure migliori

Afp

Hanno suscitato scalpore le parole del medico personale di Silvio Berlusconi, Alberto Zangrillo, che ha sottolineato come la carica virale del tampone naso-faringeo del leader di Forza Italia "era talmente elevata che a marzo-aprile lo avrebbe ucciso". Ebbene, "rispetto a maggio, dove si era registrata una importante riduzione della carica virale, adesso con tanta circolazione del virus potrebbe esserci stato un rialzo. La sensazione però la danno i numeri, ed è evidente che oggi la letalità è molto diversa da quella di marzo-aprile. Quindi se non è la carica virale, allora è evidente che ci sono altre situazioni che intervengono, tra cui indubbiamente la nostra capacità di intercettare più rapidamente i pazienti e di curarli meglio". Lo afferma all'Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova.


"Fondamentalmente oggi - aggiunge l'esperto commentando le dichiarazioni del collega - quello che è cambiato non è soltanto una maggior bravura dei medici nel curare questa infezioni. E' anche cambiata la consapevolezza dei cittadini di fronte alla malattia, sono loro che riconoscono alcuni sintomi e chiedono il tampone - aggiunge Bassetti - Altrimenti non saremmo mai arrivati a questa drastica riduzione della letalità: oggi siamo intorno all'1%. A marzo-aprile eravamo intorno al 15%. Speriamo che questo si mantenga, i dati di questi giorni ci dicono che su 35mila contagiati, abbiamo 2mila ricoverati di cui 160 in terapia intensiva, ovvero solo lo 0,4% di tutti i ricoverati è in condizioni serie".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.