Cerca

Scanzi vs Osho, duello social

CRONACA
Scanzi vs Osho, duello social

Durissimo botta e risposta fra il giornalista Andrea Scanzi e Federico Palmaroli, in arte Osho, vignettista famosissimo non solo sul web. Scanzi accusa Palmaroli di professarsi super partes e apolitico quanto invece è "un fiancheggiatore" del centrodestra poiché partecipa a eventi elettorali di quella sola parte politica. Palmaroli gli replica a muso duro ricordandogli di aver partecipato ad appuntamenti di tutte le forze politiche, a cominciare dai 5 stelle fino al Pd e all'Arci: "buffone di regime, informati prima si sparare cazzate".


Scanzi l'ha messa così: "Le frasi di Osho? No, le frasi del fasho! Conoscerete in molti “Le più belle frasi di Osho”. Tanti tra voi però non sanno chi si celi dietro quelle frasi e quella satira. Ve lo dico io. Federico Palmaroli. 47 anni, impiegato. Nato a Roma. Cresciuto a Monteverde. Tifoso della Lazio. Padre dirigente d’azienda, madre casalinga. Da giovane (lo ha raccontato lui stesso a Repubblica) vota prima per il Movimento Sociale e poi per la destra sociale. Intervistato un anno e mezzo fa dal Corriere della Sera - scrive Scanzi su Facebook , il Palmaroli frignò così: «Io, autore delle frasi di Osho, di giorno faccio l’impiegato. Dicono sia di destra e mi emarginano». Attenzione: “dicono sia di destra”. Ma lo dicono gli altri, eh, perché mica è vero. Palmaroli - ce lo garantisce lui - è uomo libero e super partes". Sempre Scanzi osserva come "per carità: è giusto che chiunque abbia le sue simpatie. Ma se c’è un ambito che deve essere libero, quello è la satira. Puoi essere di sinistra o di destra, ma NON PUOI partecipare a eventi elettorali. Non se fai satira. È secondo me neanche se sei giornalista (in questi giorni ho detto “no” a tutti gli inviti ricevuti per moderare eventi elettorali di sinistra e M5S). Altrimenti presti la satira al potere, qualsiasi potere, e questo fa di te un cortigiano. Puoi fare tutto, ma gli eventi elettorali a favore di una lista (qualsiasi lista) NO. Puoi schierarti per un quesito referendario, ma per una lista (qualsiasi lista) NO. È qualcosa di grave e imperdonabile".

Scanzi continua: "E invece il Palmaroli, l’uomo libero Palmaroli, il satirico integerrimo Palmaroli, quello che al Corriere della Sera frignava perché “dicono sia di destra” ma non è vero mica, che fa?1. Lavora e scrive per Il Tempo, ovvero il giornale più marginale e caricaturale nella galassia del sovranismo de noantri, e sui social difende a spada tratta il suo Dux Bechis. Il che, di per sé, mette malinconia, perché se diventi una sorta di “Bondi di Bechis” fai tenerezza. 2. Soprattutto: il Palmaroli, cioè “Le più belle frasi di Osho” (come fa scrivere sui manifesti), sta facendo campagna elettorale per Fratelli d’Italia in Toscana (e magari non solo in Toscana). Partecipa proprio a eventi e cene elettorali (vedi foto 2 e 3) per i post-fascisti. Palmaroli - conclude Scanzi - finge di fare satira, ma non è che un fiancheggiatore della destra. Se siete iscritti alla sua pagina e vi va bene così, ottimo. Vi accontentate di poco. Se non lo sapevate e lo credevate libero, qualche domanda ponetevela. Questa non è satira: è propaganda para-fascista. Null’altro che Istituto Luce 2.0".

Pronta la replica di Palmaroli sulla sua pagina fb: "Il poveraccio mi ha bloccato quindi non posso rispondere sotto al suo post. Gli sarebbe bastato fare una ricerca più approfondita e avrebbe trovato anche locandine e foto di eventi targati PD, Arci, e (udite udite) 5 stelle (Campagna elettorale della Lombardi per la Regione Lazio e Italia a 5stelle a Napoli lo scorso anno). E sempre per fare un minispettacolino di satira e quasi sempre in amicizia. Povero buffone di regime, informati prima di sparare cazzate. Te lo dico io qual è il tuo problema (anzi, uno dei tanti): finché menavo duro sul PD e per questo venivo considerato filogrillino, te piacevo (nel corso di un programma mi facesti anche i complimenti), ora che al governo ci stanno i tuoi amici insieme ai tuoi ex nemici (e la satira, si sa, colpisce soprattutto il potere), te ce rode".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.