Cerca

"A Porta Portese servono controlli più rigidi, amministrazione Raggi assente"

CRONACA

"Se l'amministrazione capitolina avesse tutelato gli operatori regolari di Porta Portese con controlli più rigidi nei confronti degli abusivi, forse l'assembramento visto oggi non si sarebbe verificato". E' Alessia Salmoni, rappresentante commercio aree pubbliche UilTucs e consigliera del Municipio XII di Roma a scagliarsi attraverso l'Adnkronos contro l'amministrazione della sindaca Virginia Raggi, accusandola di non aver fatto abbastanza per tutelare il mercato di Porta Portese. "Come consigliera del Municipio dove si trova il mercato di Porta Portese, insieme al consigliere Elio Tomassetti avevamo proposto l'istituzione di una commissione speciale su Porta Portese per rilanciare e tutelare il mercato però la maggioranza pentastellata l'ha bocciata. Il problema non è il mercato di Porta Portese in sé, ma la mancanza di supporto da parte dell'amministrazione capitolina per gli operatori del mercato in ambito di sicurezza e controlli - afferma Salmoni - Porta Portese non è un mercato come gli altri ci sono operatori storici, titolari di bancarelle regolari che non sono stati tutelati. Se si fosse combattuto l'abusivismo sin dall'inizio, quanto accaduto questa mattina a Porta Portese probabilmente non si sarebbe verificato".


"Ritengo che sia arrivato il momento che la sindaca Raggi, con Cafarotti e Coia facciano un giro per Porta Portese - chiede a gran voce Salmoni - per osservare personalmente come si stia distruggendo, ed in parte è già stata distrutta, una categoria di ambulanti e di operatori storici regolari mentre si lasciano lavorare gli abusivi e gli illegali, in un momento così difficile, con la pandemia, che provocano assembramenti e non rispettano le regole di contenimento del contagio".

"Vanno incrementati i controlli da parte delle forze dell'ordine per far rispettare tutte le norme e le regole - continua Salmoni - raramente si vedono agenti che fanno controlli a Porta Portese e capisco anche che sono numericamente inferiori rispetto alla mole di lavoro. Gli irregolari sono tanti, troppi e stare dietro a tutti è difficile e complicato: si pensi a quanti banchi dovrebbero essere sequestrati se si facessero dei controlli stretti e rigidi!".

"Ribadisco con forza che l'amministrazione capitolina deve tutelare gli operatori regolari di Porta Portese in modo da poter tutelare la sicurezza e la salute dei residenti, dei compratori e degli operatori stessi. - conclude Salmoni - Porta Portese è un mercato che va salvaguardato, è uno dei più importati mercati d'Italia se non d'Europa, ai livelli di Portobello Road a Londra. Invece questa amministrazione lo sta distruggendo non avendo alcuna visione sul settore del mercato degli ambulanti regolare".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.