Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Scontri tra Israele e Hezbollah nel sud del Libano, morto un militare dell'Unifil

ESTERI
Scontri tra Israele e Hezbollah nel sud del Libano, morto un militare dell'Unifil

Cresce la tensione nel sud del Libano, teatro di violenti scontri a fuoco tra Israele e Hezbollah. Secondo quanto riferisce il corrispondente della tv satellitare al-Jazeera, un soldato spagnolo dell'Unifil è morto in un bombardamento israeliano che ha colpito il sud del paese .


Poco prima quattro soldati israeliani sono rimasti feriti lungo il confine con il Libano, quando il loro veicolo è stato colpito da un missile anti tank sparato dalla milizia sciita libanese Hezbollah. Lo riferiscono i media israeliani, che parlano di un ferito grave. Vi sono stati anche colpi di mortaio contro postazioni israeliane. Israele ha risposto con colpi d'artiglieria verso il Libano meridionale. "A chi ci sfida sul confine settentrionale, suggerisco di vedere cosa è accaduto, non lontano da Sderot, nella Striscia di Gaza, dove Hamas ha subito l'estate scorsa uno dei suoi peggiori colpi. L'esercito è pronto ad agire con forza su tutti i fronti", ha minacciato il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu.

L'attacco avviene mentre sale anche la tensione sul Golan, dove Israele ha risposto nella notte con colpi d'artiglieria contro postazioni dell'esercito siriano dopo che ieri due missili si erano abbattuti sul suo territorio. Israele ha reagito ad una "evidente violazione della sovranità israeliana", ha dichiarato questa mattina il portavoce dell'esercito Peter Lerner, spiegando che sono state prese di mira postazioni dell'esercito siriano. Israele, spiega il comunicato dell'esercito, ritiene il regime di Damasco responsabile per ogni attacco proveniente dal suo territorio. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, basato a Londra, Israele ha bombardato l'area in cui si trova la 90esima brigata siriana. Intanto non è chiaro se i due missili, che non hanno provocato né vittime né danni in territorio israeliano, siano stati sparati intenzionalmente verso lo Stato ebraico.

Lo scorso 18 gennaio, in un attacco attribuito ad Israele, sono rimasti uccisi in territorio siriano sei esponenti della milizia sciita Hezbollah e un generale iraniano. Da quando è iniziata la guerra civile in Siria, ad Israele sono stati attribuiti alcuni attacchi contro convogli di armi destinati alla milizia libanese, alleata con il governo di Damasco. Israele non ha mai smentito, né confermato.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.