Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Spari a Ferguson durante marcia per anniversario morte Brown, un ferito

ESTERI
Spari a Ferguson durante marcia per anniversario morte Brown, un ferito

(Foto Afp)

Colpi d'arma da fuoco sono stati sparati a Ferguson, in Missouri, alla manifestazione per ricordare il primo anniversario dell'uccisione dell'afroamericano Michael Brown da parte di un poliziotto bianco.


Ad aprire il fuoco sarebbe stato Tyrone Harris jr., amico di Michael Brown. Lo riferisce il giornale locale St. Louis Post-Dispatch, secondo cui Harris, rimasto gravemente ferito, sarebbe stato sottoposto a un intervento chirurgico. L'uomo era in possesso di una pistola rubata. Quattro agenti coinvolti nella sparatoria sono stati posti in congedo amministrativo, ha aggiunto Belmar.

Secondo la Cnn, i colpi sono stati sparati in due distinte occasioni, provocando la fuga dei dimostranti. Il portavoce della polizia locale, Shawn McGuire, ha riferito che un agente ha sparato in risposta a colpi d'arma da fuoco contro i poliziotti. Nessun agente è stato ferito. Altri colpi sono stati sparati mentre alcuni giornalisti parlavano con il capo della polizia ad interim, Andre Anderson.

La polizia di Ferguson ha inoltre diffuso le foto di un foro di proiettile sul parabrezza di un auto, spiegando che due auto sono state raggiunte dai colpi. I colpi d'arma da fuoco sono stati sparati verso le 23.15, ora locale, mentre la folla dei manifestanti si trovava sulla West Florissant Avenue, al termine di una giornata di commemorazione pacifica della morte di Brown. Dopo i colpi la polizia ha usato i megafoni per esortare la folla a disperdersi. Secondo testimoni su Twitter sono stati poi impiegati gas lacrimogeni.

Dopo le proteste a Ferguson, la contea di St. Louis ha dichiarato lo stato di emergenza nella città. Lo ha annunciato Steve Stenger, County Executive di St. Louis, "alla luce delle violenze di ieri sera e dei disordini nella città di Ferguson", precisando che "i recenti atti di violenza non verranno tollerati in una comunità che ha lavorato instancabilmente nel corso dell'ultimo anno per ricostruire e diventare più forte".

Brown, 18 anni, era disarmato quando fu ucciso dal poliziotto Darren Wilson il 9 agosto 2014. La sua morte provocò violente manifestazioni di protesta a Ferguson, che si riaccesero in novembre quando un grand jury decise di non incriminare Wilson. La tragica vicenda accese i riflettori sui numerosi episodi di afroamericani disarmati uccisi dalla polizia, che da allora si sono ripetuti in diverse città degli Stati Uniti. La veglia per l'anniversario, alla quale hanno partecipato centinaia di persone, era iniziata in maniera pacifica con quattro minuti e mezzo di silenzio per ricordare le quattro ore e mezza durante le quali il corpo del giovane rimase in strada mentre la polizia effettuava i rilievi. I colpi sono stati sparati nella notte, provocando l'arrivo di rinforzi della polizia.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.