Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Hollande: "Francia in guerra, distruggeremo terrorismo"

ESTERI
Hollande: Francia in guerra, distruggeremo terrorismo

(Foto Afp)

"Sono francesi quelli che venerdì hanno ucciso altri francesi". A tre giorni dagli attacchi terroristici, il presidente francese, Francois Hollande ricorda, ancora una volta, che la "Francia è in guerra" e che "la repubblica francese ha superato ben altre prove", ma "coloro che hanno cercato di sfidarla" hanno perso.


Attacchi che sono stati "pianificati in Siria e organizzati in Belgio", ha aggiunto Hollande secondo il quale "la Siria è diventata la più grande fabbrica di terroristi che il mondo abbia mai conosciuto". La Francia, fa sapere allora, "intensificherà" i raid aerei contro lo Stato islamico in Siria, dove "nelle prossime settimane queste operazioni continueranno".

In ogni caso "il popolo francese non si rassegna e si rialza ogni volta che qualcuno lo fa cadere o fa cadere qualcuno dei suoi figli", ha poi aggiunto sottolineando: "Noi sradicheremo il terrorismo, lo distruggeremo, perché siamo attaccati alla libertà".

"La necessità di distruggere Daesh costituisce un problema che riguarda tutta la comunità internazionale", ha detto ancora Hollande precisando che "il nostro nemico in Siria è Daesh". "Mercoledì sarà convocato il Parlamento per un progetto di legge per estendere di tre mesi lo stato d'emergenza", ha fatto sapere ancora il presidente francese.

A conclusione del discorso di più di mezz'ora che ha tenuto questo pomeriggio di fronte al Congresso (Assemblea nazionale e senato) riunito a Versailles, il presidente francese ha intonato, insieme ai parlamentari, la Marsigliese.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.