Home . Fatti . Esteri . Terrorismo, più di 2mila Peshmerga formati da addestratori italiani in Iraq

Terrorismo, più di 2mila Peshmerga formati da addestratori italiani in Iraq

ESTERI
Terrorismo, più di 2mila Peshmerga formati da addestratori italiani in Iraq

Sono più di duemila i Peshmerga curdi formati dal nucleo di addestratori militari italiani in Iraq. ​L’ultimo corso si è concluso da pochi giorni ad Erbil, nel Kurdistan iracheno e ha consentito di formare 150 militari curdi. Le attività addestrative, della durata complessiva di una settimana, hanno compreso diverse attività come la condotta di azioni tattiche nei centri abitati, la conoscenza delle procedure contro ordigni esplosivi improvvisati, l’addestramento al tiro diretto di precisione con le armi portatili (corso sniper) e un corso di Force Protection per la sicurezza delle caserme e delle aree addestrative curde.


Contemporaneamente gli istruttori del team A&A (Advise and Assist) del contingente italiano hanno iniziato l’addestramento all’impiego dei mortai a favore di 12 Peshmerga della Counter Terrorism Division. Tra le altre materie insegnate, la preparazione topografica per l’orientamento dei mortai nell’area di schieramento, il calcolo dei dati di tiro, le comunicazioni via radio per l’osservazione del tiro e la disciplina del fuoco.

Personale dello staff del Comando italiano sta addestrando oltre 30 ufficiali curdi sull’impiego delle procedure e delle metodologie proprie dell’intelligence militare. Il contingente italiano, composto da circa 200 militari, dallo scorso gennaio ha addestrato oltre duemila peshmerga su un totale di circa 5.000 formati dai trainer della coalizione costituita da 7 nazioni europee (Italia, Germania, Gran Bretagna, Norvegia, Finlandia, Olanda e Ungheria).



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.