Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Jet abbattuto, Putin: "Tentativo Turchia di compiacere Usa. Provino a volare su Siria"

ESTERI
Jet abbattuto, Putin: Tentativo Turchia di compiacere Usa. Provino a volare su Siria

Vladimir Putin (Foto Infophoto)

L'abbattimento del Sukhoi-24 russo da parte delle forze turche potrebbe essere stato un tentativo di compiacere gli Stati Uniti da parte di Ankara. "Qualcuno della leadership turca ha deciso di leccare gli americani in un certo posto, ma non so se il suo calcolo è stato corretto o no, se gli americani ne hanno davvero bisogno", ha detto Vladimir Putin , ammettendo di non poter affermare con certezza quali siano state le motivazioni di Ankara, quale l'obiettivo di quello che considera come "un atto ostile" e che comunque "ha messo tutti in una situazione difficile". Forse, ha aggiunto Putin, "c'era un tacito accordo a un qualche livello" con una terza parte, qualcosa del tipo, 'noi abbattiamo l'aereo russo e voi non dite nulla se noi occupiamo parti dell'Iraq".


Il presidente russo ha aggiunto che in ogni caso il calcolo della Turchia si è rivelato sbagliato, perché "la Russia non è un Paese che scappa", ma anzi ha aumentato la sua presenza aerea e le sue difese anti aeree (con gli S-400, ndr) nella regione. "Se la Turchia violava lo spazio aereo siriano, non penso che lo faranno ora", ha sottolineato. Il presidente russo ha quindi denunciato il "traffico di petrolio su scala industriale" nell'area in seguito al "vuoto che si è creato" dopo l'intervento americano.

Putin ha ribadito che non c'è "alcuna prospettiva di cooperazione" con l'attuale leadership turca, sottolineando come sia "molto difficile" mantenere buone relazioni con Ankara. Nella conferenza stampa di fine anno che ha tenuto questa mattina a Mosca, il presidente russo ha denunciato "l'islamizzazione" del Paese, di come "se Ataturk potesse vedere cosa accade al suo Paese, si rivolterebbe nella tomba".

"Ci hanno pugnalato alle spalle, anche laddove eravamo disposti a cooperare con loro su questioni sensibili", ha detto, usando la stessa espressione con cui aveva reagito alla notizia dell'abbattimento del Sukhoi 24 da parte di F-16 turchi. In particolare, Putin ha denunciato che dopo l'abbattimento dell'aereo militare russo, la Turchia si è rivolta alla Nato, "che Ankara ha usato come scudo".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.