Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Morta Connie, la pacifista che protestava da oltre 30 anni davanti alla Casa Bianca

Connie Picciotto manifestava contro armi nucleari. era un simbolo di Washington

ESTERI
Morta Connie, la pacifista che protestava da oltre 30 anni davanti alla Casa Bianca

Conception Picciotto (foto Washington Post)

Addio a Conception Picciotto, la pacifista che per oltre 30 anni, nel caldo torrido e sotto la neve, ha manifestato tutti i giorni davanti alla Casa Bianca contro le armi nucleari. Ormai diventata uno dei simboli di Washington, con le guide che la indicavano ai turisti, la Picciotto era apparsa nel film "Farenheit 9/11" di Michael Moore e nel documentario "The oracles of Pennsylvania avenue". Negli ultimi anni alcuni attivisti l'avevano sostenuta dandole il cambio. Ma lei è andata tutti i giorni fino all'ultimo, anche per poche ore, prima di spegnersi in un ricovero per donne senza tetto all'età di circa 80 anni.


Minuta, con il capo coperto da un casco da motociclista e una sciarpa, "Connie" era immigrata dalla Spagna nel 1960 e lavorava come telefonista all'ambasciata di Madrid. Poi aveva sposato un italiano con il quale aveva adottato una bambina. Ma nel 1979 apparve alla Casa Bianca per denunciare un "complotto" ordito dal marito per portarle via la figlia. La storia non fu mai chiarita e nel 1981 la donna, che non ha mai più rivisto la piccola, cominciò a manifestare per la pace su Pennsylvania avenue assieme ad un altro attivista, William Thomas.

Se non posso occuparmi di mia figlia, diceva lei, mi batterò per il futuro di tutti i bambini. Nel 1984 i due pacifisti furono raggiunti da Ellen Benjamin, che presto sposò Thomas. Il terzetto ha protestato insieme per 25 anni, fino alla morte di Thomas.

Da allora la Picciotto è andata avanti da sola, aiutata da altri attivisti che la consideravano un'eroina. Molti altri si sono posti dubbi sulla sua sanità mentale. Ma la verità è probabilmente nel mezzo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.