Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Panama Papers, caos Islanda: il premier lascia solo "temporaneamente"

ESTERI
Panama Papers, caos Islanda: il premier lascia solo temporaneamente

Sigmundur David Gunnlaugsson (Afp)

Il premier islandese David Gunnlaugsson, coinvolto nello scandalo dei cosiddetti Panama Papers, non vuole lasciare il suo incarico in modo permanente e in una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio la scorsa notte si precisa che non si è dimesso come riportato erroneamente sui media.


"Il primo ministro non si è dimesso e rimane presidente del Partito del progresso", si legge nel comunicato, che, tra le altre cose, elenca i risultati del governo in materia di economia e loda le riforme avviate da Gunnlaugsson durante il suo mandato. L'attuale ministro dell'Agricoltura, Sigurour Ingi Johansson, prenderà "temporaneamente" il suo posto, viene aggiunto.

Dai Panama Papers è emerso che Gunnlaugsson e sua moglie hanno creato una società offshore nelle isole Vergini britanniche, ma il premier ha ribadito la sua innocenza, negando che lui o sua moglie siano stati complici della frode fiscale. "Il primo ministro e sua moglie hanno fornito risposte dettagliate alle domande sui beni a loro intestati, non hanno mai cercato di nascondere tali attività dalle autorità fiscali islandesi", continua la dichiarazione resa pubblica su Twitter da Richard Milne, corrispondente del Financial Times.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.