Home . Fatti . Esteri . Usa, nuove proteste contro la polizia: 5 agenti feriti

Usa, nuove proteste contro la polizia: 5 agenti feriti

ESTERI
Usa, nuove proteste contro la polizia: 5 agenti feriti

(Afp)

Tensione alle stelle negli Stati Uniti. In diverse città nella notte di sabato e domenica nuovi casi di proteste violente contro la polizia, pochi giorni dopo l'uccisione di cinque poliziotti a Dallas. Nella città di Saint Paul, in Minnesota, si sono verificati scontri e sono stati eseguite decine di arresti si sono verificati durante una manifestazione di protesta dei sostenitori dei diritti civili contro l'uccisione di Philando Castile, ucciso dalla polizia nella notte di mercoledì. La polizia locale ha riferito su Twitter che almeno cinque agenti sono rimasti feriti, ma nessuno di loro in modo serio. Secondo le autorità, gli agenti sono stati attaccati con pietre, bottiglie e petardi. Secondo il quotidiano 'Star Tribune', le forze di sicurezza di Saint Paul hanno usato i fumogeni per disperdere i sostenitori del movimento "Black Lives Matter" che manifestavano contro la violenza della polizia.

Uomo ucciso da un agente a Brooklyn, spunta nuovo video /Guarda

A San Antonio diversi colpi di arma da fuoco sono stati esplosi contro il quartier generale della polizia nel centro della città. La polizia ha spiegato che alcuni dei colpi hanno colpito l'edificio e un sospetto è stato arrestato. Le proteste contro la violenza della polizia sono scoppiate dopo la morte di due afroamericani per mano della polizia negli stati del Minnesota e della Louisiana.

A Dallas, le misure di sicurezza sono state rafforzate presso il dipartimento di polizia dopo le minacce anonime ricevute via telefono e sui social network. Secondo i media locali, le forze speciali sono state collocate intorno all'edificio, con cecchini sui tetti delle case vicine. Le autorità hanno anche ammesso di essere alla ricerca di un sospetto all'interno di un parcheggio: una prima ispezione condotta dagli uomini delle unità speciali non ha prodotto risultati. Il dipartimento di polizia ha chiesto a tutti i media di fermare la trasmissione in diretta dal parcheggio per la "sicurezza" delle loro troupe. Intanto David Brown, capo della polizia locale, ha reso noto che Micah Johnson, il cecchino responsabile dell'uccisione dei 5 agenti, stava preparando un attentato potenzialmente "devastante": "Il materiale per la fabbricazione di bombe trovato nella casa di Micah Johnson con un'agenda ci porta a credere che stesse progettando esplosioni con effetti devastanti".

A Baton Rouge, invece, nella serata di sabato è stato fermato DeRay McKesson, uno degli attivisti di spicco del movimento Black Lives Matter. Altri 33 esponenti sono stati caricati sulle camionette della polizia, scrive il Washington Post. McKesson era arrivato a Baton Rouge per partecipare alle manifestazioni di protesta contro l'uccisione di Alton Sterling avvenuta mercoledì. Due diversi testimoni hanno descritto l'arresto, avvenuto mentre l'attivista stava usando il suo smartphone per riprendere l'intervento della polizia per disperdere i manifestanti, come 'fisicamente violento'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.