Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Pensavano fosse un tumore, invece l'uomo aveva ingerito 40 coltelli

ESTERI
Pensavano fosse un tumore, invece l'uomo aveva ingerito 40 coltelli

torino, ospedale cto. per la prima volta al mondo si esegue un trapianto di bacino in titanio su un ragazzo di 18 anni (Giulio Lapone, Torino - 2015-02-25) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Alcuni erano a serramanico ma altri avevano una lama fissa da poco meno di 18 cm. Sono in tutto 40 i coltelli che alcuni medici indiani hanno rimosso chirurgicamente dallo stomaco di un uomo, si legge sulla Cbs. Il 42enne, agente di polizia che ora si sta riprendendo in un ospedale pubblico di Amritsar nel Punjab, li aveva inghiottiti nel corso degli ultimi due mesi.


Il dottor Jatinder Malhotra, che ha assistito durante l'operazione di cinque ore, ha detto che l'uomo sarebbe affetto da un disturbo psichiatrico e che comunque non aveva mai sentito parlare di un caso di una persona che avesse 'mangiato' coltelli. "Nella mia carriera ormai ventennale e in tutta la letteratura medica che abbiamo controllato, non c'è mai stato un caso come questo, in cui una persona ha inghiottito non uno ma 40 coltelli", ha detto Malhotra.

L'uomo ha detto ai medici di non saper spiegare questa sua voglia di ingoiare coltelli. "Ci ha detto che li buttava giù come fossero un bicchiere di acqua", ha riferito ancora il medico. Il 42enne era arrivato in ospedale due settimane fa, lamentando forti dolori all'addome. "Con un'endoscopia abbiamo visto una grande massa nella zona addominale - ha riferito Malhotra - Inizialmente abbiamo pensato che fosse un tumore. Anche se ci siamo accorti praticamente subito di non aver mai visto nulla del genere".

Ora l'uomo, riferiscono i medici, non può più sopportare la vista di un coltello, tanto da avere chiesto alla moglie di uscire dalla stanza d'ospedale mentre stava tagliando un po 'di frutta per lui.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.