Home . Fatti . Esteri .

Obama: "Non possiamo affidare i codici nucleari a Trump"

ESTERI
Obama: Non possiamo affidare i codici nucleari a Trump

Barack Obama (Afp)

Barack Obama contro il senatore della Florida Marco Rubio: intervenendo a Miami, il presidente americano ha ricordato come l'ex avversario del tycoon alle primarie - tuttora suo sostenitore - dicesse che non è possibile affidare i codici nucleari ad un individuo stravagante come Trump. "Io concordo con il senatore americano, un Repubblicano, che un po' di tempo fa ha detto che non possiamo permetterci di affidare i codici nucleari degli Stati Uniti ad un individuo stravagante", ha affermato, nel corso di un comizio a sostegno di Hillary Clinton, tenuto alla Florida Memorial University. "A proposito, sapete chi lo ha detto? Marco Rubio".


Rubio, ha poi ricordato Obama, definì Trump un pericoloso artista della truffa che aveva impiegato la sua carriera a prendersela con i lavoratori. "Come può definirlo un artista della truffa e pericoloso e obiettare a tutte le cose controverse che ha detto, e poi dire: "Comunque voterò per lui"?", si è chiesto Obama. "Questo è l'indizio di una persona che dirà qualunque cosa, farà qualunque cosa, sosterrà di essere qualunque cosa pur di essere eletto. Se sei disposto a essere chiunque pur di essere qualcuno, allora non eserciti la leadership di cui la Florida ha bisogno nel Senato americano".

L'attacco a Rubio - commenta il New York Times - dimostra come Obama voglia estendere l'atto di accusa contro Trump al Partito Repubblicano, una parte del quale continua a sostenere il candidato, anche dopo le ultime polemiche che lo hanno coinvolto. Rivolto alla folla di circa 2.800 persone che lo ascoltava, Obama si è chiesto come i Rapubblicani possano sostenere un candidato che chiama le donne maiali, minaccia di ridurre al silenzio la stampa, vuole far incarcerare i suoi oppositori, espellere i musulmani dal paese e si arruffiana il leader russo. "Se avete dedicato la vostra carriera a idolatrare Ronald Reagan, dove eravate quando il vostro candidato alla presidenza si ingraziava Vladimir Putin, l'ex ufficiale dek KGB?".

"La retorica elettorale di Donald Trump è pericolosa" - ha poi concluso Obama, secondo il quale il tycoon sta seminando il seme del dubbio nella mente delle persone circa la legittimità delle elezioni, minando la democrazia americana e fornendo una spinta ai nemici del paese. "Sta facendo il lavoro dei nostri avversari - ha detto il presidente degli Stati Uniti - perché la nostra democrazia dipende dalle persone che sano che il loro voto conta".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.