Home . Fatti . Esteri .

Reporter ucciso, arrestati 7 italiani

ESTERI
Reporter ucciso, arrestati 7 italiani

(Afp)

Sette italiani sono stati arrestati in Slovacchia nell'ambito dell'indagine nata dal reportage del giornalista Jan Kuciak, ucciso domenica con la fidanzata. Come riferisce il quotidiano Korzar, l'operazione condotta dall'Agenzia nazionale anticrimine ha portato inizialmente all'arresto dell'imprenditore Antonio Vadalà, del fratello Bruno e del cugino Pietro Catroppa. Successivamente, il capo della polizia Tibor Gaspar ha confermato l'arresto di altre 4 persone identificate come Sebastiano V., Diego R., Antonio R. e Pietro C.


Alle indagini sull'uccisione del giornalista stanno collaborando anche Fbi e Scotland Yard.

CHI E' VADALA' - Il quotidiano Korzar delinea la figura di Antonio Vadalà come un imprenditore attivo nell'immobiliare, nell'energia e nell'agricoltura, con una serie di società che usufruivano di fondi europei e sussidi.

Nell'ultimo reportage di Kuciak, pubblicato da diverse testate slovacche, si fa riferimento ai collegamenti tra ambienti imprenditoriali e politici slovacchi alla 'ndrangheta e in particolare al business che nel 2009 Vadalà aveva intenzione di avviare nella zona industriale di Lucenec: un affare da 70 milioni che non è decollato ma che è bastato per qualificare Vadalà come ''imprenditore del settore dell'energia", per citare l'ex ministro dell'Economia Pavol Rusko.

Per la carriera di Vadalà, è fondamentale il rapporto con Maria Troskova, da ieri ex assistente del premier Robert Fico, diventata partner dell'imprenditore nel business del fotovoltaico: i due fondano la Gia Management nel 2011, ma Troskova lascia la compagnia dopo un anno per concentrarsi sull'attività politica.

Prima diventa assistente del parlamentare Viliam Jasan, leader del partito Smer, e poi con un salto triplo arriva fino a Fico. Anche Jasan, nel giro di qualche mese, viene promosso e diventa segretario del Consiglio di Sicurezza, con accesso a documenti top secret. Il legame tra Jasan e Vadalà, secondo la stampa, è evidente: un'attività imprenditoriale coinvolge il figlio del politico e il jet privato che Jasan usa, tra l'altro, appartiene a una compagnia rilevata da Vadalà.

L'imprenditore, come dimostrerebbe anche la sua attività online, si spende per lo Smer. Elogia il premier Fico, sostiene il ministro Robert Kalinak e appoggia Richard Rasi, candidato dallo Smer alla presidenza della regione di Kosice, scrivendo direttamente a Rasi e preannunciando incontri.

Troskova e Jasan hanno rassegnato ieri le dimissioni. Lo stesso ha fatto il ministro della Cultura, Marek Madaric, che però non risulterebbe coinvolto nell'inchiesta e non viene citato nel reportage del giornalista. "Dopo l'assassinio di un giornalista non posso immaginarmi ancora a ricoprire tranquillamente l'incarico di responsabile di questo ministero che è responsabile anche per i media", ha detto il ministro.

Il 27 febbraio, durante una conferenza stampa, il premier Fico ha preso pubblicamente posizione per difendere Troskova: "State collegando persone innocenti a un duplice omicidio. Questo è troppo". Alle domande su Jasan, aveva risposto: "Agirò sulla base dei risultati delle indagini". Poi, 24 ore dopo, sono arrivate le dimissioni di entrambi.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.