Home . Fatti . Esteri . Omicidio Khashoggi, la Cia accusa il principe Bin Salman

Omicidio Khashoggi, la Cia accusa il principe Bin Salman

ESTERI
Omicidio Khashoggi, la Cia accusa il principe Bin Salman

AFP

Nonostante le smentite della versione ufficiale, sarebbe stato il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman a ordinare l'assassinio del giornalista Jamal Khashoggi a Istanbul. Lo scrive il 'Washington Post', riportando i contenuti di un rapporto della Cia confermati da fonti che hanno chiesto di restare anonime. Anche secondo il 'Wall Street Journal' l'uccisione di Khashoggi sarebbe stata eseguita su ordine del principe ereditario, spiegando che la valutazione della Cia non sarebbe basata su prove fattuali ma piuttosto sulla "comprensione di come funziona l'Arabia Saudita".


A queste conclusioni, l'agenzia è giunta esaminando diverse fonti di intelligence, tra cui una telefonata che Khalid bin Salman, ambasciatore saudita negli Stati Uniti e fratello del principe ereditario, avrebbe avuto con Khashoggi. L'ambasciatore ha respinto ogni coinvolgimento scrivendo su Twitter di avere spiegato al 'Washington Post' che "l'ultimo contatto avuto con il signor Khashoggi è stato via SMS il 26 ottobre 2017". "Non ho mai parlato con lui per telefono e certamente non gli ho mai suggerito di andare in Turchia per nessuna ragione: chiedo al governo degli Stati Uniti - ha aggiunto l'ambasciatore saudita - di rilasciare qualsiasi informazione in merito a questa richiesta".

Gli Stati Uniti non hanno raggiunto "una conclusione finale" riguardo all'omicidio, ha dichiarato però la portavoce del dipartimento di Stato dopo che le rivelazioni dei media. "Articoli recenti che indicano che il governo Usa ha raggiunto la conclusione finale sono inaccurati - ha affermato Heather Nauert - relativamente all'omicidio di Khashoggi vi sono ancora molte domande rimaste senza risposta". "Il dipartimento di Stato continuerà ad indagare tutti i fatti rilevanti - ha aggiunto - ed allo stesso tempo continueremo a consultarci con il Congresso ed a lavorare con altre nazioni per individuare le responsabilità delle persone coinvolte nell'assassinio". La dichiarazione è stata diffusa dopo che la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders, ha confermato che il presidente Donald Trump oggi ha parlato della vicenda con il capo della Cia, Gina Haspel, e con il segretario di Stato, Mike Pompeo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.