Home . Fatti . Esteri . Gilet gialli non si fermano

Gilet gialli non si fermano

ESTERI
Gilet gialli non si fermano

(Foto Afp)

Continua in Francia la protesta dei 'gilet gialli'. Circa 20.000 persone, distribuite tra 350 blocchi, sono scese in strada oggi in Francia nella terza giornata di protesta contro l'aumento del prezzo dei carburanti. I numeri delle manifestazioni dei 'gilet gialli' sono stati diffusi da un portavoce del ministero dell'Interno. Oggi i manifestanti hanno preso di mira autostrade e depositi petroliferi. La protesta è cominciata sabato, con oltre 280.000 persone in azione in tutto il paese. Dall'inizio della mobilitazione si è registrato un morto -una donna investita in Alta Savoia- e circa 500 feriti.


Il premier Edouard Philippe ha detto di aver ascoltato e sentito la "collera" e la "sofferenza" dei manifestanti ma ha chiarito che il governo intende tirare dritto perla sua strada. "Risponderò a tempo debito. Questo non è il luogo", ha detto Emmanuel Macron da Bruxelles a chi lo interpellava. Il presidente francese ha fatto presente di "non voler rispondere" alla domanda, soprattutto poche ore dopo le dichiarazioni rilasciate in proposito dal primo ministro Philippe. La mobilitazione ha perso la portata che aveva sabato, ma "la consegna resta la stessa, ossia che le forze dell'ordine, gendarmi, agenti di polizia, interverranno ogni volta che un asse strutturante viene bloccato o ogni volta che si verificano violenze", ha dichiarato il sottosegretario all'Interno francese, Laurent Nunez. "La Francia non può essere bloccata, le forze dell'ordine interverranno sistematicamente".

Nel frattempo due appelli a manifestare "a piedi, a cavallo o in macchina" sono arrivati per "bloccare" Parigi sabato 24 novembre. "Il prossimo appuntamento di massa di tutto il popolo francese si terrà sabato 24 novembre a Parigi", ha indicato in un video Frank Buhler, uno dei promotori del movimento oltre che responsabile locale nel Tarn-et-Garonne di Debout la France di Nicolas Dupont-Aignan. "Dovete tutti, a piedi, a cavallo e in auto, percorrere la totalità delle vie di Parigi. Il suo video è stato visto 165mila volte e condiviso circa 13mila volte con oltre 2300 commenti. Un'altra pagina Facebook intitolata "Atto II Tutta la Francia a Parigi" creata da Eric Drouet de Melun (Seine-et-Marne) esorta a riunirsi sabato sulla Place de la Concorde a Parigi, con tutti i mezzi possibili, treno, autobus, auto...perché è qui che si trova il governo!!!".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.